Valentina Bertini prima donna premiata dalla Guida Espresso come miglior sommelier d’Italia

Valentina Bertini prima donna premiata dalla Guida Espresso come miglior sommelier d’Italia

Print Friendly, PDF & Email

Valentina Bertini si è aggiudicata l’importante riconoscimento di Migliore Sommelier d’Italia, assegnato per la prima volta ad una donna in quaranta edizioni della Guida Espresso, con grande soddisfazione per l’ampia serie delle sue colleghe iscritte all’AIS (Associazione Italiana Sommelier) in tutte le regioni d’Italia.

Valentina Bertini, originaria di Spello (Perugia), Maturità classica e Diploma all’AIS a Foligno, si iscrive a giurisprudenza. Per aiutare la madre, che nel frattempo aveva rilevato un ristorante nel suo paese natale, decide di fare il corso da sommelier e da lì cambia tutto; abbandona le sue ambizioni in ambito forense e abbraccia la nuova quanto inaspettata passione per il vino.
Dopo una serie di esperienze sempre in ambito ristorativo, arriva al Terrazza Gallia, restaurant on the roof dello storico albergo Excelsior Hotel Gallia di Milano, nel 2016, facendosi apprezzare per la sua competenza e la sua sensibilità.

Appassionata di pinot noir, Valentina accompagna ed esalta i piatti degli executive chefs Antonio e Vincenzo Lebano con proposte mai scontate, ricercate e che si fanno ricordare, attingendo da una cantina di vini originali e importanti.

«Un riconoscimento che fa onore al nostro ristorante e a tutto l’hotel. La prima donna a ricevere questo premio, che ha saputo dare alla nostra cantina e alla nostra carta dei vini personalità, originalità e profondità. Il successo è la punta di diamante di un lavoro di squadra in cui siamo tutti coinvolti con passione e che, sono sicuro, ci darà tante soddisfazioni in futuro», ha affermato Marco Olivieri General Manager Excelsior Hotel Gallia.

Passione e competenza sono state premiate dopo anni di lavoro e sacrifici, in un campo dove le donne sono circa il 30% dei sommelier italiani e continuano ad aumentare.

Nell’ambiente, dicono che le donne hanno una marcia in più, anche in questo settore, perché riescono meglio degli uomini nei riconoscimenti olfattivi e tendono a reagire in maniera più emozionale persino nei confronti del vino; aggiungono che le sommelier tendono a creare una lista dei vini più personalizzata e instaurano un maggiore feeling con i clienti, “parlando al cuore”.

Valentina compirà gli anni il prossimo 13 ottobre, si è fatta con anticipo uno dei regali più desiderati.

Maura Sacher

PS: Una curiosità: la prima donna sommelier diplomata AIS è la piemontese Laura Pesce nel 1972, la prima campionessa italiana dei sommelier la sarda Lucia Pintore nel 1987, e prima di lei Franca Rosso di Tavagnacco (Udine) arrivò a pari merito con un uomo sommelier nel 1975. La prima presidente donna di un’associazione di sommelier è Graziella Cescon FISAR nel 2015 e il primo direttore di una testata dei Sommelier è stata Marzia Morganti nel 2003.

About The Author

Related posts