Stile e Società

Tortani e casatielli campani

La Domenica di Pasqua in Campania, al pari di altre importanti ricorrenze religiose, si caratterizza per l’abbondanza di cibi con cui sono imbandite le tavole, legati, soprattutto, alla tradizione e alla complessa simbologia religiosa che caratterizza l’evento.

E’ il caso, per l’appunto, del tortano e del casatiello, torte salate preparate in questo periodo e famose per essere particolarmente sostanziose. Nel napoletano, infatti, ci si può imbattere nell’espressione “I’ che casatiello”, riferita ad una persona verbosa e noiosa. Il termine casatiello deriva da “caso”, che in dialetto napoletano vuol dire formaggio, e allude alla cospicua presenza al suo interno di formaggio pecorino. Tortano, invece, potrebbe derivare, secondo alcuni, da “torta-no”, nel senso che non è una torta, ma è molto di più. Ma questa interpretazione è poco convincente. Tortano e casatiello hanno lo stesso impasto: farina, lievito, acqua, sale, pepe, sugna (strutto), uova sode, salame, formaggio e cicoli (ciccioli) di maiale. Anche se le due pietanze vengono preparate soprattutto in occasione della Pasqua, la loro simbologia rimanda al mondo pagano. L’utilizzo del formaggio pecorino, ricavato dal latte d pecora di cui si nutrono gli agnelli, rimanda, ad esempio, ai riti pagani collegati alla resurrezione primaverile della natura dopo la “morte” invernale, durante i quali venivano sacrificati degli agnelli. Un significato ripreso, poi, dalla tradizione cristiana che vede l’agnello come simbolo principale di innocenza e resurrezione. I cicoli, pezzetti irregolari di carne, di color nocciola, molto ricchi di grasso e quindi saporitissimi, rimandano anch’essi a un rito antichissimo, antecedente all’era cristiana: l’uccisione sacrificale del maiale, simbolo di fecondità e di benessere. Benessere effettivamente portato in ogni casa grazie ai numerosi prodotti della lavorazione del suino.  Abbiamo infine le uova, che in molte tradizioni antiche sono simbolo del seme primordiale dal quale nasce il mondo, e saranno poi in seguito associate alla Resurrezione di Cristo. Nel tortano e nel casatiello, dunque, ogni ingrediente ha un preciso significato, così come anche la forma caratteristica a ciambella, vuota al centro, a ricordare la croce di spine. Benché uguali per contenuto (l’impasto è sostanzialmente il medesimo), e per forma, tortano e casatiello non sono sinonimi. Il casatiello, infatti, oltre ad avere le uova sode dentro l’impasto, le ha pure fuori: quattro o più, complete di guscio, incastonate nella ciambella, ma non completamente affondate in essa, in modo che la loro parte superiore rimanga visibile.

Simone Ottaiano
s.ottaiano@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button