Punti di Vista

Sul Prosek o Prošek finalmente scoperta l’acqua calda

Sul Prosek o Prošek finalmente scoperta l’acqua calda

Sulla “querelle” Prosecco/Prosek (o Prošek, grafia slovena e croata, si pronuncia “Proscek”) finalmente il tavolo di lavoro ha concluso le sedute con una concorde mozione che sarà spedita a Bruxelles.

Sono state raccolte testimonianze e documentazioni che provano che il termine “Prosek” non è altro che la traduzione di “Prosecco”.

E che Prosecco è il nome della cittadina del carso Triestino, dove oggi come secoli fa si coltiva l’uva di Prosecco, che poi – perché non venisse confusa con quella che il Veneto, dalle parti di Treviso, coltivava intensamente e che si è fatta riconoscere come DOC nel mondo – venne declassata a semplice “Glera”, nome del vitigno da cui si ricava l’uva Prosecco.

Tanto che dalle parti di Trieste, al bar o in osmiza, non si può dire “Portami un calice di Prosecco”, si deve chiedere “un frizzantino”!

Prosek è Prosecco

Bella scoperta! Persino su Wikipedia è scritto!

Ma per consolidare la motivazione del rigetto alla pretesa croata, la task force mobilitata ha recuperato delle mappe “ufficiali” che partono dal 1300 e «che fanno vedere che prima di Trieste c’è una città che da allora si chiamava Prosek».
E che ciò sarebbe, lo dice il Governatore Luca Zaia, «la dimostrazione, la prova provata, che il toponimo che ha dato la riserva del nome al Prosecco nel 2009 è lo stesso» (Fonte delle cit. ANSA del 2 novembre 2021).

Ma c’è di più

Hanno in mano una prova inconfutabile, grazie al contributo della famiglia Zonin, che tra i cimeli storici di famiglia aveva proprio un documento cruciale: un’incisione in rame, una mappa del 1585.
Dove la città triestina di Prosecco è chiamata Prosek «perché a quel tempo il Friuli Venezia Giulia era sotto la dominazione asburgica e i nomi venivano riadattati alla lingua del sovrano».

È questo l’asso di briscola della documentazione che la task force italiana ha appena terminato di preparare per difendere a Bruxelles il Prosecco.
«Attraverso queste incisioni di rame si evince il collegamento storico tra l’area geografica intorno a Trieste e il vino Prosecco» (fonte: ilsoleSole24ore).

Forse non bastava leggere i libri di Furio Colombo “Il Prosecco patrimonio del Nord-Est” (2014) e “Perché Prosecco. Le nobili origini di un vino triestino” (2012), in cui lo storico ha svolto approfondimenti storici con dovizia di testimonianze e documenti anche antichi, risalendo nella sua ricerca fino all’imperatrice romana Giulia la quale, è risaputo, amava particolarmente il vino di quelle parti, all’epoca chiamato Pucino, che alcuni ricercatori avvicinerebbero al Prosek/Prosecco.

Prosek è Prosecco

Va beh, sembra fatta, speriamo bene!

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button