Notizie Italiane

Storica sentenza della Corte di Giustizia UE contro i nomi truffaldini

La Corte di Giustizia UE ha pronunciato una sentenza contro l’utilizzo strumentale di nomi e grafiche equivoche e ingannevoli che richiamano prodotti riconosciuti e tutelati dalla UE.

È una sentenza storica e attesa dall’Italia che ha avuto ben 316 riconoscimenti nelle denominazioni alimentari tra DOP, IGP e STG.

Il nostro paese è leader indiscusso di eccellenze alimentari e anche il più soggetto a tentativi di imitazioni e falsi.

Sono quasi 20 i miliardi di euro sviluppati dal settore con un export di 10 in valore generati da una filiera di quasi 200000 addetti.

I truffatori utilizzano per il loro bieco fine parole, nomi, località, denominazioni, immagini e ricette che evocano l’Italia per vendere il falso Made in Italy.

Comitè Interprofessional du Vin du Champagne- CIVC che tutela gli interessi dei produttori di champagne.

Champanillo è il nome dato da una catena di locali spagnoli a wine bar per promuoverli e champanillo in spagnolo significa piccolo champagne.

Le grafiche usate raffigurano due coppe colme di una bevanda spumante.

La controversia è iniziata in un tribunale iberico e si è trasferita alla Corte di Giustizia UE.

La Corte è stata chiamata a chiarire se per il diritto della UE in materia di protezione dei prodotti DOP, IGP e STG sia possibile usare termini commerciali per classificare non già prodotti ma servizi.

I giudici della Corte hanno ricordato che il regolamento comunitario protegge le DOP, IGP e STG da situazioni relative sia a prodotti che a servizi.

Il criterio determinante per accertare la presenza di una illegittima evocazione di DOP, IGP e STG è volto ad accertare se i consumatori in presenza di una denominazione controversa come in caso dello Champanillo siano indotti ad associare i falsi con i prodotti protetti dalla UE.

Non è strettamente necessario che i prodotti o i servizi contestati siano identici o similari perché il nesso tra l’autentico e il contraffatto può riferirsi e derivare dalla affinità visiva, grafica e fonetica.

La sentenza può essere quindi applicata alle tantissime imitazioni dei prodotti agroalimentari italiani.

Eclatante l’esempio del Parmigiano Reggiano e del Prosecco vittime negli anni di un vasto mercato di falsi ed imitazioni in tutto il mondo e in tutti i mercati agroalimentari.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button