Vini e Ristorazione

Soave: a caccia di novità 14 buyer U.S.A.

Soave. Un vino e il suo territorio sempre più sotto i riflettori. Dal 17 al 23 luglio 2016 14 buyer americani, provenienti da Boston, Chicago, San Francisco, Los Angeles Seattle, New Orleans, Washington, New York, Denver, Houston si troveranno a a Soave per individuare produttori e selezionare vini da proporre al pubblico statunitense sempre più attendo a questa eccellenza italiana.

Il Soave ha una produzione annua di 53 milioni di bottiglie e il territorio comprende 13 comuni con quasi 7000 ettari coltivati. Un prodotto eccellente che piace molto all’estero e che, grazie al corretto approccio del Consorzio e delle aziende aderenti, ha una richiesta in continua crescita.Il Consorzio Tutela ha coordinato per il 2016 in collaborazione con l’agenzia Full Circle e con Evan Goldstein, affermato Master Sommelier americano e wine educator considera questa tappa strategica, una tappa “commerciale” dove i buyer vedranno con i propri occhi la qualità delle aziende produttrici.Vinitaly-Soave-

Una strategia che ormai da sette anni il Consorzio del Soave porta avanti visto che gli Stati Uniti sono per il Soave il terzo mercato di riferimento estero, dopo Gran Bretagna e Germania, con circa il 20% delle esportazioni extra UE. Bolla, Bertani, Cantina di Soave, Cantina del Castello, Cantina di Monteforte, Cantina Giovanni Tessari, Coffele, Corte Moschina, Filippi, Gini, I Stefanini, Le Battistelle, Montetondo, Sandro De Bruno, Tenuta Sant’Antonio, VITEVIS le aziende che i buyer avranno modo di visitare.

In maggio erano stati giornalisti e comunicatori Seattle e New Orleans a avvicinarsi alla conoscenza del Soave e dopo la visita dei buyer nelle aziende nuovi incontri si terranno in autunno a Boston e Chicago, segnale di grande attività da parte del Consorzio che intende lanciare anche i più nuovi Soave negli Stati Uniti.

Roberta Capanni

 

 

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Wine Writer, Diplomata sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button