Notizie Italiane

Siena e il drappellone dell’Assunta

Mancano pochi giorni al Palio dell’Assunta e Siena si sta preparando all’evento più importante dell’anno. I toscani e i fiorentini in particolare seguono con  “altezzoso sguardo” ciò che avviene a Siena, un po’ in ricordo di antiche battaglie, un po’ per  invidia verso l’unione di questa gente che si stringe intorno prima alla propria contrada e poi intorno al Drappellone dell’anno. Palio16Agosto2015
Il drappellone, del pezzo di seta che i senesi chiamano cencio  che un artista ogni anno dipinge dedicandolo a Siena e alla Madonna, il trofeo destinato alla Contrada vincitrice del Palio dell’Assunta.

Quest’anno però i fiorentini guardano in maniera diversa al Palio dell’Assunta, strizzano l’0cchio alla città “rivale” grazie ad un drappellone speciale: quello della pittrice Elisabetta Rogai.   A lei si è affidata Siena, a lei che con la sua Enoarte, la pittura con il vino, ha portato dentro la tela il nettare della Toscana.
Emozionata, Elisabetta ha atteso che si potesse rendere pubblico, il suo lavoro. Come da tradizione, solo cinque giorni prima il drappellone viene scoperto dal sindaco e mostrato al pubblico. Un’ emozione grande quella di Elisabetta Rogai, che solo Siena e i senesi possono dare e trasmettere ad un’ artista.
La pittrice ha aggiunto ai colori del vino quelli della terra e del cielo di questa terra baciata da Dio, per rappresentare le contrade. La Madre del Cristo, abbraccia la città, intorno la campagna, riconoscibile nel tempo più caldo dell’estate…

E mentre il 16 si avvicina e l’emozione cresce, a chi fosse in zona consigliamo di ammirare le opere di Rogai esposte fino al 14 agostoa  Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione Mps, per la mostra tematica “Alchimia” che ospita  con sei quadri dell’artista fiorentina.
Poi,  il 16 il drappellone sarà appeso alle finestre di Palazzo Pubblico pronto per essere festeggiato dai senesi.

 

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button