Notizie Italiane

Se il pesce fresco diventa un lusso per pochi

Se il pesce fresco diventa un lusso per pochi

Se il pesce fresco diventa un lusso per pochi

La crisi condiziona sempre di più il menu anche in fatto di prodotti ittici. Meno pesce fresco e più prodotti conservati, secchi, salati affumicati e surgelati, finiscono nei carrelli della spesa degli italiani.

Nel primo trimestre 2013 calano del 5% gli acquisti e di oltre il 6% i nuclei che comprano pesci, molluschi e crostacei freschi.

E’ quanto emerge dai dati Ismea Gfk-Eurisko, che sottolineano come la spesa decresce più delle quantità acquistate, evidenziando una diminuzione dei prezzi medi non ancora sufficiente a rilanciare i consumi domestici.

Per il settore ittico, prodotto fresco o trasformato poco importa, il bilancio sul fronte della domanda interna risulta comunque negativo (-2,5% gli acquisti in volume e -10% la spesa), con una dinamica in peggioramento sull’anno precedente, quando il consumo pro capite di pesce in Italia si e’ attestato per la prima volta dall’inizio degli anni duemila, sotto i 20 kg, contro i 60 kg del Portogallo, i 49 kg della Spagna e i 33 kg della Francia.

Ma quale è il prezzo che gli italiani sono disposti a spendere? Il 50% degli è disposto a spendere non più di 5 euro a testa per un pasto in casa a base di pesce fresco.

E’ quanto emerge da un sondaggio online condotto dalla Federcoopeasca-Confcooperative. Solo il 10% degli italiani trova congruo spendere nel complesso, per una cena per quattro persone a base di pesci, molluschi e crostacei,oltre i 30 euro.

I prodotti più gettonati nei mercati ittici, per chi non vuole spendere oltre i 20 euro, sono alici, il cui prezzo e’ sceso del 2,26% rispetto ad un mese fa, cozze(-1,45%), vongole (-1,02%), sgombro e trote con listini inferiori ai 10 euro al chilo.

Per chi ha un budget più elevato, ma sempre entro i 20 euro, in questo momento ci sono seppie, calamari, polpo e merluzzo.L’associazione consiglia di cercare anche nei singoli mercati locali le occasioni del giorno o quei prodotti meno conosciuti e richiesti, ma che possono far abbassare il prezzo della spesa fino al 40%.

 

A.F.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button