ArticoliVini e Ristorazione

Punto Zero scommette sui Colli Berici

Alla ricerca del sole.
È con questa ispirazione che Andrea de’ Besi arriva a Lonigo (Vi) nel 1994: per sfuggire alla nebbia del Polesine in un luogo in cui la natura possa esprimersi in tutta la sua forza. Ed è dall’antico casale in pietra, cuore della tenuta della famiglia de’ Besi, che scopriamo la bellezza discreta ma dirompente delle Colline Beriche con i suoi verdi e dolci declivi.
La denominazione Colli Berici Doc, si estende nella zona sud di Vicenza, con terreni di varia natura: dal calcare sedimentario ricco di sali minerali, alle argille rosse, ai basalti di origine vulcanica. L’altitudine allontana nebbie e le gelate tardive, garantendo grappoli sani e vini con carattere e personalità.
Una produzione totale di circa 7000 ettari vitati che rappresentano circa il 9% della produzione del Veneto. In queste colline la coltivazione della vite risale a millenni fa, ma è quando la Repubblica Serenissima scopre questo entroterra che la produzione si intensifica, per imbandire le tavole dei signori veneziani. Una viticultura oggi in ottima forma, dopo il quasi completo abbandono a causa della fillossera di fine ottocento.
Una tenuta questa dei de’ Besi, di 45 ettari di cui 11 vitati che si intervallano tra boschi spontanei e dolci declivi. La passione per le viti degli inizi, grazie anche all’incontro con l’enologo Celestino Gaspari e l’aiuto della moglie Marcella e delle due figlie Carolina e Anna Paola, ha trasformato il mero commercio di uva in “Punto Zero” una cantina con una gamma vini propria; una perfetta espressione del territorio da cui nascono.
Quattro i vini in produzione ad oggi: Il Pino bianco, fresco e sapido i cui sentori di erbe aromatiche ricordano le passeggiate nei boschi che circondano la tenuta e quattro vini rossi: un Cabernet Sauvignon in purezza, un taglio bordolese (Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Merlot) e poi Merlot in purezza e un originale Syrah. Tutti con il denominatore comune dei frutti rossi maturi e del sottobosco ma ognuno con una propria netta personalità e la piena tipicità del vitigno che rappresentano; tutti previsti dal disciplinare di questo territorio insieme con il Tai, (Tocai prima della disputa con l’Ungheria) da sempre presente nelle tavole contadine vicentine e che sarà messo in commercio il prossimo anno a completare una gamma tipicamente Berica.

Clicca sul pulsante per caricare il contenuto da www.puntozerowine.it.

Carica il contenuto


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button