Vini e Ristorazione

“Punti di vista” in mezzo alla vigna di Brunello

Opere d’arte moderna di tre artisti montalcinesi, in una sorta di museo all’aperto, hanno preso posto tra i filari di Brunello del Casato Prime Donne di Montalcino e vi resteranno fino alla fine di settembre, quando nel Teatro della cittadina si svolgeranno i festeggiamenti in occasione del “Premio Casato Prime Donne”, suddiviso nelle sezioni scienza vitivinicola, fotografia e giornalismo, assegnato a donne che hanno valorizzato la presenza femminile nella società e nel lavoro.

«Punti di vista» è il felice titolo di una serie di otto opere create da una famiglia di artisti toscani per accompagnare  le dediche delle vincitrici del premio voluto da Donatella Cinelli Colombini, pioniera del turismo del vino in Italia e ideatrice della giornata “Cantine Aperte”.
Il tema donna è qui un imperativo categorico visto che la cantina è orgogliosamente tutta al femminile e i tre artisti di quest’anno Carlotta, Giuditta e Annibale Parisi gli hanno dato un’impronta decisamente originale.

Utilizzando materiali poveri, quali semplicissimi carretti di ferro e vernici colorate, hanno trasfigurato gli oggetti dalla loro primitiva funzione in un “qualcosa d’altro” che prende vita propria soltanto se l’osservatore accetta di cambiare il proprio punto di vista e interagire con l’oggetto stesso giocando di fantasia.
Sulle carrette sono dipinte figure di donne, liberamente ispirate a Léger, Picasso, Modigliani, Gauguin, Frida Khalo, Matisse, che offrono la suggestione d’essere vive e in attesa di condividere la compagnia di altre persone.

L’installazione, leggera e colorata, si avvale di un illusorio cantiere di lavoro fatto di un cumulo di ghiaia su cui poggia, e questo è un altro gioco tra il visitatore e l’opera d’arte, è vero o finto? Raggiunge comunque l’intento di influire nell’ambiente creando un inconsueto ponte con il paesaggio circostante, fatto di terra scura e verdi vigneti, ma evoca anche echi di duro lavoro dell’uomo che con le pietre ha costruito case, e forse anche suscita l’illusione ottica di un alveo di fiume, le cui acque sono preziose ad ogni sopravvivenza. Punti di vista, appunto …

Prime Donne non è solo il nome del premio internazionale che da un decennio incorona la “Prima Donna”, un personaggio femminile che è di esempio o di aiuto alle altre donne. Prime Donne è il nome del primo grande Brunello selezionato da assaggiatrici donne e destinato a consumatrici donne. Prime Donne è soprattutto il nome della prima cantina italiana con un organico interamente femminile, nata nel 2001.

Maura Sacher
m.sacher@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button