Premiato il Sauvignon Blanc Vivallis della cantina viticoltori Vallagarina

Premiato il Sauvignon Blanc Vivallis della cantina viticoltori Vallagarina

Print Friendly, PDF & Email

l decano dei giornalisti enogastronomici trentini Giuseppe Casagrande, commissario europeo nei concorsi enologici nazionali ed internazionali.

Ieri è tornato nella splendida Vallagarina per premiare la cantina Vivallis di Nogaredo.

Ed ha consegnato al direttore Mauro Baldessari e al presidente Adriano Orsi la clessidra d’Oro conferita dalla Guida “Il Vino per tutti” al Sauvignon Blanc 2018.

Un vino piacevolissimo, di alta collina (nasce alle pendici del Monte Stivo) e dai profumi peccaminosi.

Colore paglierino con riflessi verdognoli, bouquet di frutti tropicali con spiccate note vegetali (pomodoro, peperone, ortica), in bocca è fresco, sapido, suadente.

Due parole sulla Vallagarina. Geograficamente la Vallagarina si colloca nella parte Sud del Trentino e accompagna l’Adige nel suo corso verso Verona, dalla città fortezza di Castel Beseno fino al Castello di Sabbionara d’Avio.

In queste terre, tra borghi e castelli medioevali, si estende un meraviglioso giardino di vigneti.

La storia geologica della valle, i torrenti che vi confluiscono dai monti circostanti e lo scorrere del fiume Adige hanno formato una grande varietà di terreni.

Tale ricchezza, insieme con le differenze climatiche legate all’andamento collinare e alle diverse esposizioni al sole, consentono di coltivare molte tipologie di vitigni.

Straordinaria è la gamma di vini presente sul mercato. 

Alcuni vitigni internazionali hanno trovato in Vallagarina il loro habitat ottimale: Cabernet Sauvignon (zona Nogaredo) e Merlot (zona Borgo Sacco), così come lo Chardonnay (zona Prà dei Fanti) e il Pinot Bianco.

A queste tipologie vanno aggiunti i vitigni autoctoni come il Marzemino Gentile, bandiera della valle, coltivato nella zona dei Ziresi e ad Isera. La Nosiola nella zona di Vallunga; il Moscato Giallo sulle colline di Besenello.

Di più recente introduzione i vitigni internazionali Müller Thurgau e Sauvignon Blanc che hanno trovato, l’uno nelle zone d’alta collina di Savignano e l’altro nei terrazzamenti soleggiati della destra Adige, condizioni che ne esaltano la tipicità.

Vivallis è il marchio che nasce nel 2004 raccogliendo l’eredità secolare della Società Agricoltori Vallagarina fondato nel 1908.

“VI” significa viticoltori, vite, vino e vita. “VALLIS” sottolinea lo storico legame con le radici della cultura enologica della valle.

Il marchio racchiude in se lo storico ed appassionato legame del lavoro in vigna ed in cantina, coerente espressione del territorio.

Oggi Vivallis esprime la forza delle sue radici, che risalgono agli inizi del Novecento.

Raccoglie e trasforma le uve provenienti da oltre 800 ettari di vigneti, posti in zone altamente vocate, sapientemente coltivati da 850 soci, guidati da un invidiabile team tecnico di agronomi ed enologi.

 

“Il nostro  obiettivo – ci ha confidato il direttore Mauro Baldessari – è ambizioso: racchiudere nei nostri vini cultura, storia e passione del passato. Attraverso l’uso misurato di tecnologie avanzate, offrire contenuti più moderni, per continuare ad essere espressione vera e dinamica del territorio della Vallagarina”. Obiettivo raggiunto. In alto i calici.

Nelle foto: Giuseppe Casagrande consegna la clessidra d’Oro al presidente della Cantina Vivallis Adriano Orsi e al Direttore Mauro Baldessari.

About The Author

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Related posts