Punti di Vista

Prato: Mortadella IGP

La Toscana aggiunge un altro prodotto IGP al suo già fornito paniere. Questa  volta è la mortadella di Prato che ottiene il riconoscimento di tipicità ed eccellenza.  Salgono così  a oltre 1.300 le eccellenze protette nell’Unione Europea, di cui 280 prodotti afferenti all’Italia.

La mortadella di Prato (che abbiamo assaggiato  proprio qualche giorno fa in occasione della degustazione alla Limonaia di Villa Rosigliosi) prevede, nel disciplinare, l’utilizzo esclusivo di carne suina come  spalla, rifilatura di prosciutto, capocollo, guanciale, lardone e pancetta. Il segreto sta nella concia che si compone di pepe nero in grani, pepe nero macinato, sale, polpa d’aglio pestato, macis, coriandolo, cannella e garofano e un ingrediente originale, o l’alkermes che contribuisce a dare un sapore e una colorazione molto particolari al prodotto.mortadella-prato400

La mortadella di Prato è un prodotto portato avanti da un piccolo gruppo di produttori che hanno creduto nel suo rilancio e hanno investito nel progetto. La partecipazione ad eventi dedicati alle eccellenze alimentari, l’informazione puntuale sul prodotto e due aziende,  i fratelli Conti e la famiglia Mannori ,che dal 2000, anno di uscita del disciplinare non si sono risparmiati sia nella produzione che nella promozione.

Era infatti l’inizio del secolo quando dell’allora assessore al Turismo della Provincia di Prato, Antonio Cirri, lanciò una campagna per salvare il salume dall’estinzione e rilanciare la produzione. Con il presidio slow food e l’ esordio ufficiale al Salone internazionale del gusto a Torino la Mortadella di Prato iniziò il suo percorso che oggi ha il suo punto d’arrivo.

cappellacci-di-zuccaInsieme alla mortadella  di Prato  iscritti nel  Registro europeo delle Dop e Igp e tutelate contro imitazioni e falsi in Europa (pubblicate oggi sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue) e anche i ‘Cappellacci di zucca ferraresi Igp’.

Felice il sindaco e presidente della Provincia di Prato Matteo Biffoni, che ha dichiarato “L’IGP alla Mortadella di Prato è motivo di grande orgoglio per Prato, un’altra scommessa vinta al tavolo della qualità dei prodotti e dell’eccellenza di una tradizione coltivata con passione grazie                                                                                   alla creatività e alla tenacia dei nostri straordinari maestri”

Roberta Capanni

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button