Rubriche

Pranzo o cena?

Prima di invitare persone a mangiare da noi è necessario stabilire il tipo di trattenimento che vogliamo offrire e, secondo l’occasione che si vuole festeggiare, il numero degli ospiti, senza trascurare l’ampiezza della casa nonché la quantità di posti disponibili.

Lo sappiamo tutti che non è la stessa cosa invitare a pranzare o a cenare. Sono due momenti diversi della giornata che necessitano anche di menu differenti e implicano pure abbigliamenti distinti, cosa non trascurabile secondo il bon ton.

Condividere il cibo con qualcuno ha in sé un significato profondo, carico di simbolismo. Il pasto è un rito, anche se oramai quasi nessuno lo percepisce in questo modo.

Tutti i conviti dell’antichità iniziavano al tramonto. I Romani più abbienti dell’epoca imperiale trasformarono le antiche solennità, speciali e rare nel corso dell’anno, in avvenimenti più frequenti, indotti dal desiderio di manifestare la loro opulenza. Tale consuetudine fu ripresa dopo i secoli bui dalla società cortigiana del Rinascimento e il convito diventò una rappresentazione teatrale della magnificenza dell’anfitrione.
Così ancora nel ‘700, quando il pasto principale dei ceti abbienti era ancora solo quello serale, frequentemente con invitati.

Io personalmente tra pranzo e cena faccio un distinguo fondato sulla tipologia di persone che penso di invitare alla mia tavola.
A parte il piacere dell’improvvisata ossia dell’invito a caldo in tutta amicizia all’ora di pranzo, se intendo organizzare qualcosa di molto easy invito a pranzo preferibilmente persone che siano amici intimi o anche stretti parenti, sia nella quotidianità settimanale sia nelle festività.
Questo orario induce a sentirsi più sciolti, meno formali, consente maggiore famigliarità. È sostanzialmente meno impegnativo soprattutto per l’ospitato, quindi è orario perfetto quando non si vuole dare un tono troppo convenzionale all’invito.
Tale orario potrebbe andare bene se si abbia occasione di invitare capi o colleghi, o persone singole, che possono presentarsi anche in abbigliamento informale.

Trovo molto più convenzionale convocare persone per una cena.
L’apparato è diverso, il menu è diverso e altrettanto il tempo e la cura impiegati. Alla sera è diversa anche l’atmosfera per quanto si voglia improntare la riunione su un tono di intimità, al di là della qualifica degli invitati.

L’orario serale, inoltre, rappresenta occasione di maggiore relax, di piena libertà da altri impegni, invoglia a una sorta di confidenzialità negli argomenti della conversazione, specialmente se dopocena ci si indugia a gustare un liquorino o un calice di vino prezioso che in gergo enologico viene detto “di meditazione”.

È a cena, comunque, che vanno invitate le persone di riguardo.

donna Maura
m.sacher@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button