Vini e Ristorazione

Potenziare i vini con rialzo del tasso alcolometrico

Confagricoltura FVG fa sapere che la Regione Friuli Venezia Giulia ha avanzata richiesta alla UE, attraverso il competente Ministero delle politiche agricole, affinché venga concessa “la possibilità di innalzare di un ulteriore 0,5 per cento il tenore alcolico dei vini”.

«Diamo il nostro convinto appoggio all’iniziativa della Regione» comunica Confagricoltura Fvg, «non possiamo lasciare soli i vignaioli che già hanno dovuto faticare molto a mantenere in salute ed equilibrio la vegetazione e i grappoli durante gli scorsi mesi».

Questa è un’annata veramente atipica, in gran parte della Penisola, e la preoccupazione dei viticoltori è generale.  
Mentre in certe zone si è potuto già iniziare la vendemmia, in regione Friuli Venezia Giulia l’eccesso di pioggia, l’umidità persistente per giornate, le basse temperature rispetto alle medie estive, stanno creando seri problemi, il Carso con Vitovska e Refosco incluso. In tale contesto, l’eccesso idrico accumulato in molti terreni hanno favorito anomali sviluppi vegetativi delle piante e dei grappoli, con aggravio di fatica per i vignaioli che devono defogliare le piante per dare aria e luce ai grappoli, tuttavia ancora in salute, cimando a più riprese i rami secondari.
Si confida in una stabilità barica che conceda giornate soleggiate e ventose, quel tanto che basta anche per evitare il formarsi e il proliferare delle muffe e specie fungine, incubo degli agricoltori.    

Per Confagricoltura FVG è molto importante che la richiesta regionale di innalzare dello 0,5% il tenore alcolico dei vini venga raccolta tempestivamente dagli organi competenti, prima che il vino entri nelle botti. Le produzioni potenzialmente interessate a un aumento del tasso alcolometrico si stima possano ammontare a 1,2-1,4 milioni di quintali di uve.
«In aggiunta – comunica – serve pensare a una serie di interventi innovativi in materia di assicurazioni e di servizi alle imprese (previsioni meteo, assistenza tecnica) capaci, almeno, di contenere nella misura massima possibile i disagi derivati dal ripetersi di stagioni anomale come quella del 2014».

MS


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button