Notizie Italiane

Pomodori farcito di pesticidi dall’Egitto? Una parte già nelle nostre dispense

Pomodori farcito di pesticidi dall'Egitto? Una parte già nelle nostre dispense

Pomodori farcito di pesticidi dall’Egitto? Una parte già nelle nostre dispense
Repetita iuvant dicevano i Latini. Ma non in questo caso.  I carabinieri del Nucleo Tutela Agroalimentare che è suddiviso in cinque comandi interregionali ha sequestrato 3500 tonnellate di conserve.

Circa 50 giorni fa il nucleo aveva portato a termine l’Operazione Scarlatto e nella stessa località il reparto di Salerno ha bissato l’intervento.

L’indagine della procura della Repubblica di Nocera Inferiore ha interessato una partita di pomodoro semilavorato consistente in 821 tonnellate.

Il controvalore è di 1 milione di euro e si tratta di una azienda dell’Agro Nocerino Sarnese leader nel settore conserviero.

Il pomodoro farcito di pesticidi proviene dall’Egitto e parte di questo prodotto veniva venduto come italiano.

Il pomodoro era stoccato in grandi fusti metallici contenenti mediamente 250 chili di prodotto in attesa di essere confezionato in tubetti e barattoli.

Una volta confezionato il pomodoro impestato di pesticidi era destinato ad essere commercializzato sia in ambito UE che extra Unione Europea.

Purtroppo alcune centinaia di tonnellate sono già state commercializzate come doppio o triplo concentrato.

I titolari della nota impresa sono stati denunciati per frode in commercio e per immissione in commercio e commercio di sostanze alimentari nocive.

Il prodotto egiziano era fraudolentemente inserito nel ciclo produttivo.

Le conserve alimentari derivate erano commercializzate illecitamente come “pomodoro 100 % toscano”.

E siamo alle solite. Il profitto ingolosisce le persone.

Si acquistano prodotti di scarsa qualità e di nessuna salubrità per realizzare maggiore profitto.

Spesso questi prodotti e alimenti sono dannosi per l’organismo sia nel lungo che nel breve periodo.

E tutto ciò alla faccia della salute dei consumatori ma per il beneficio del portafoglio.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button