Stile e Società

Il mondo della pizza si schiera al fianco dei pastori sardi

Nei menu arrivano il Pecorino e le eccellenze casearie made in Sardegna. 50 Top Pizza si fa portavoce dell’iniziativa lanciata dal giovane pizzaiolo Alessio Rovetta.

Il mondo della pizza si schiera al fianco dei pastori sardi, impegnati nella lotta per il giusto riconoscimento del loro lavoro, obiettivo che passa in maniera imprescindibile da un prezzo onesto dato al latte di pecora.

Decine e decine di pizzaioli, in Italia e all’estero, hanno accolto infatti con entusiasmo e spirito di solidarietà l’appello del giovane collega Alessio Rovetta della pizzeria 7 Ponti di Cenate Sopra, in provincia di Bergamo, che per primo ha proposto di inserire nei menu una o più pizze a base di pecorino o altre eccellenze casearie made in Sardegna.

In pochissimo tempo l’iniziativa è diventata virale, raccogliendo adesioni e scatenando la fantasia dei maestri pizzaioli di tutto il mondo, da Napoli a New York, passando per Roma e Melbourne.

E a sostegno del progetto è arrivato anche il contributo di 50 Top Pizza, che sta raccogliendo foto e descrizioni delle pizze con l’hashtag #noistiamoconipastorisardi e che, anche attraverso questo comunicato, incita all’adesione l’intera categoria dei pizzaioli. Tutti gli scatti saranno pubblicati sul profilo Instagram della guida online dedicata alle migliori pizzerie del globo.

“Sosteniamo da tempo – sottolineano Barbara Guerra, Albert Sapere e Luciano Pignataro, i tre curatori di 50 Top Pizza – come tanti prodotti agroalimentari di qualità, purtroppo spesso sottopagati nel sistema della grande distribuzione, abbiano ricevuto un contributo importante dal fenomeno pizza di questi ultimi anni.

Basti pensare allo sviluppo del mercato delle DOP Pomodoro San Marzano e Pomodorino del Piennolo del Vesuvio, o a quello della Mozzarella e della Ricotta di Bufala DOP. Crediamo che anche i pastori sardi, che producono sicuramente un latte di alta qualità, possano trovare aiuto e sbocco in questo settore, sempre più attento a offrire prodotti di eccellenza. La maggiore richiesta di pecorino e altri formaggi sardi eviterà la svendita, a cifre offensive, del latte.”

www.50toppizza.com

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Articoli correlati

Back to top button