Pirlo e Iniesta, crack con la passione del vino

Pirlo e Iniesta, crack con la passione del vino

Print Friendly, PDF & Email

La classe non è acqua, è vino. Verrebbe da dire così quando si parla di campioni del calcio moderno che condividono la passione per il frutto di ottimi vigneti. Quel vino che vive e pulsa forte nella tradizione eno-gastronomica dei paesi mediterranei.

Tanto in Italia come in Spagna, infatti, il consumo di vino fa parte della cultura del paese. in questione e sono in pochi a non accompagnare i pasti principali con questa bevanda. In questo contesto, esistono due fenomeni del calcio che non nascondono la loro passione per il vino.  Non si tratta di due calciatori qualsiasi: stiamo parlando, infatti, di Andrea Pirlo e Andrés Iniesta probabilmente i migliori centrocampisti di Italia e Spagna degli ultimi vent’anni. Il primo, ormai ritiratosi dal calcio giocato, è un noto estimatore dei migliori vini del mondo . che ha imparato ad apprezzare anche nella sua tappa a New York, dove ha giocato per due anni. “Negli Stati Uniti bevevo i vini della Napa Valley, specialmente i rossi. Il mio preferito era il Pinot Nero”, parole molto eloquenti di chi ha detto sempre anche che “un gran vino è come un gran calciatore. lo riconosci subito”, il che conferma la classe dell’ex centrocampista della nazionale italiana anche fuori dal campo.
Grande ammiratore del gioco dello stesso Pirlo è Iniesta, che condivide con lui l’amore per i vini. come dimostra la sua decisione di aprire delle cantine nei dintorni del suo paesino di nascita. Fuentealbilla, in provincia di Albacete. L’ex centrocampista del Barça, che secondo le principali quote scommesse doveva finire ai quarti di finale di Champions, come in effetti è stato, ha scelto ormai da anni di dare una spinta importante alla cura dei vigneti che popolano la sua terra d’origine. dando lavoro a tantissime persone e aumentando la produttività in una regione non certo ricchissima come la Castilla-La Mancha. Visitare le cantine di Andrés Iniesta, che producono una serie di vini, tra i quali spiccano le varietà di rosso, è facile e alla portata di tutti. La produzione globale delle cantine, per ora, è intorno alle 2 milioni di bottiglie annuali. Eppure, questo grande spazio nei pressi del paesino d’origine del fenomeno spagnolo non è dedicato soltanto al vino ma adesso è diventato anche una sorta di agriturismo, che prevede addirittura la possibilità di pernottamento. Tra le cose più divertenti che si possono trovare presso queste installazioni, vi è di certo una riproduzione della Champions League fatta di tappi di sughero, oltre alla statua del giocatore stesso che ripropone il suo goal decisivo nella finale dei mondiali 2010 contro l’Olanda.
Abituati a dare spettacolo in campo con la loro classe e la loro genialità, Pirlo e Iniesta sarebbero anche dei perfetti sommelier, vista la loro passione per i vini di ogni tipo. Chissà quanti tifosi di calcio che amano anche il vino pagherebbero per poter condividere una cena con questi due campioni e conoscere più da vicino questi fenomeni e i loro vini preferiti.

About The Author

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Related posts