Info & Viaggi

Piatto a Filiera Corta

Nella suggestiva cornice del borgo di Taurasi, in provincia di Avellino, dominato dall’imponente mole del Castello Marchionale che fu dimora dei Gesualdo e degli Este, sabato 14 settembre si è svolta la seconda edizione del Concorso Gastronomico “Piatto a filiera corta”, competizione per eleggere i migliori piatti della tradizione irpina.

Dopo il successo della prima edizione svoltasi a Savignano Irpino, l’evento, organizzato dal GAL Irpinia, in collaborazione con la Regione Campania, l’Associazione Culturale Orizzonti e il Comune di Taurasi, nell’ambito del piano di sviluppo rurale Campania 2007-2013, Asse IV – Approccio Leader, approda nel paese che ha dato origine all’omonimo famoso vino irpino DOCG che da tempo contribuisce a tenere alta la notorietà del territorio nel mondo. Una serata all’insegna dei piatti della tradizione irpina, accompagnati dai pregiati vini locali, preparati da grandi cuochi sotto la supervisione dello Chef Luciano Colucci, patron dell’omonimo hotel a Nusco, per riscoprire i sapori dimenticati in un’occasione di incontro diretto tra produttori e ristoratori. Il tema, infatti, come spiega il Presidente del GAL Irpinia, Giovanni Maria Chieffo, è <<la filiera corta, vale a dire il legame diretto tra produttore e consumatore, come dimostra anche la presenza del mercatino di prodotti tipici allestito nella piazzetta antistante l’ingresso della corte del castello>>. <<Si tratta di un progetto fortemente radicato nella ruralità sociale, >> – continua Chieffo – << un progetto di  valorizzazione necessaria per recuperare le eccellenze eno-gastronomiche e storiche dell’Irpinia, per parlare di cibo come cultura, di riti antichi e popolazioni che non dimenticano l’identità locale>>. Proprio in quest’ottica si è mossa la seconda edizione del Concorso Gastronomico che, oltre alla cena di degustazione volta a stabilire i tre piatti vincitori della competizione, ha ospitato anche stand di gastronomia tipica locale, percorsi sensoriali, spettacoli folkloristici itineranti e animazione a tema medioevale con il gruppo de “L’Ordine del Lupo”, in prima fila a far rivivere giochi d’arme e duelli mozzafiato. Durante la serata è stato anche distribuito il secondo volume “Assaggi d’Irpinia”, dedicato alle ricette del territorio.

Simone Ottaiano
s.ottaiano@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button