Piano per pesticidi in agricoltura e stop al glifosate

Piano per pesticidi in agricoltura e stop al glifosate

Print Friendly, PDF & Email

Dopo la denuncia del WWF sull’insabbiamento del nuovo PAN Pesticidi da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo (MIPAAFT), ed in attesa del nuovo testo per un efficace Piano di Azione Nazionale sui pesticidi che tuteli molto di più salute e natura, sollecitato alla conferenza stampa alla Camera dei Deputati il 30 luglio scorso, è stato diramato un comunicato contenente tra l’altro questa sintesi.

Per il WWF Italia e le Associazioni (Lipu, Legambiente e ISDE) che partecipano alla Campagna Cambia la Terra, promossa da Federbio, sono necessarie modifiche sostanziali al vecchio Piano di Azione Nazionale (PAN) sui pesticidi, scaduto lo scorso 12 febbraio. In particolare il nuovo PAN Pesticidi dovrebbe indicare con priorità i seguenti obiettivi:
• Ridurre i rischi per i residenti nelle aree rurali e gli agricoltori fissando distanze minime di sicurezza dalle abitazioni e dalle coltivazioni biologiche per difenderle dal rischio di una possibile contaminazione accidentale.
• Nei siti Natura 2000 e nelle altre aree naturali protette deve essere vietato l’utilizzo di pesticidi pericolosi per gli habitat e le specie selvatiche, con misure di conservazione della biodiversità regolamentari vincolanti.
• Adottare tecniche biologiche per la manutenzione delle aree non agricole (rete viaria, ferroviaria) con particolare attenzione al verde pubblico e agli spazi utilizzati dalla popolazione residente nelle città.
• Prevedere il divieto totale del glifosate in Italia entro il 2022, escludendo qualsiasi ipotesi di rinnovo dell’autorizzazione concessa per cinque anni dall’Unione Europea il 27 novembre 2017.
• Definire criteri più rigorosi per la concessione delle deroghe per l’utilizzo di pesticidi di norma vietati a causa della loro pericolosità per la salute umana e per gli ecosistemi.
• Rafforzare i sistemi di monitoraggio e controllo del rispetto delle regole sul corretto utilizzo e sulla presenza di pesticidi nelle acque superficiali e sotterranee, nel suolo e nel cibo. Serve per questo un programma di vigilanza da parte dei Carabinieri Forestali per garantire la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente.
Il nuovo PAN Pesticidi dovrà inoltre indicare con chiarezza l’obiettivo del 40% della Superficie Agricola Utilizzata nazionale (SAU) condotta con il metodo biologico entro il 2030, utilizzando meglio le risorse della PAC attuale e post 2020.

About The Author

Related posts