Pasta alla Norma, omaggio di Cibo Nostrum a Catania

Pasta alla Norma, omaggio di Cibo Nostrum a Catania

Print Friendly, PDF & Email

Per l’evento nazionale Fic, l’Associazione Provinciale Cuochi Etnei offrirà a Catania e ai Catanesi il piatto simbolo di questa terra, nel cuore di Villa Bellini.

 

Un omaggio sincero alla Città di Catania e ai Catanesi. Una dichiarazione d’amore vera, spontanea attraverso il piatto che è il simbolo stesso del capoluogo etneo, ricetta conosciuta in tutto il mondo, ambasciatrice della cultura gastronomica catanese, del suo territorio, e che richiama il suo Cigno, Vincenzo Bellini: la Pasta alla Norma! Sarà questa una delle piacevoli novità dell’edizione 2019 di Cibo Nostrum, la Grande Festa della Cucina Italiana, evento nazionale della Federazione Italiana Cuochi che il prossimo 31 marzo, dalle ore 18,00 alle 23,00, conquisterà e coinvolgerà i giardini storici della Villa Bellini nel capoluogo etneo.

 

A realizzare questo omaggio gastronomico e sentimentale, nel cuore stesso della Villa, sarà l’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, capitanata dal suo nuovo presidente, lo chef Angelo Scuderi. Quattro batterie con almeno una ventina di cuochi nel cuore della Villa per cucinare questo piatto storico e omaggiarlo alla Città. “Tutta l’Associazione è in pieno fermento e non vediamo l’ora di trasmettere a Catania – dice Angelo Scuderi, neopresidente dei Cuochi Etnei da appena lo scorso gennaio – e alla sua gente tutto il nostro amore per questa città e per la nostra professione. Il nostro gesto, oltre che un omaggio, vuole sottolineare come un piatto realizzato con prodotti tanto eccellenti quanto semplici, possa rappresentare in realtà un gusto unico e sia uno dei simboli della nostra terra nel mondo”.

 

Anche quest’anno, il ricavato dell’evento sarà devoluto in opere di solidarietà. La Grande Festa della Cucina Italiana, come ormai la stampa specializzata e il grande pubblico hanno imparato a conoscere CIBO NOSTRUM, torna dunque con una 8^ edizione ricca di novità. Quest’anno le 300 postazioni di cuochi, pasticceri, cantine e aziende agroalimentari saranno ospitate alla Villa Bellini, mentre saranno, come da tradizione, migliaia le berrette bianche provenienti da tutta Italia e dall’estero che prenderanno parte alla Festa gastronomica, proponendo ciascuno, singolarmente o in team, le proprie ricette. Centinaia anche i giornalisti nazionali e internazionali che si sono accreditati per raccontare l’evento.

 

La Federazione Italiana Cuochi è il grande organizzatore della manifestazione, con il suo Dipartimento Solidarietà Emergenze e con il supporto dell’Unione Regionale Cuochi Siciliani. “È un graditissimo ritorno in Sicilia per tutti quanti noi – dichiara il presidente nazionale FIC, Rocco Pozzulo – e con importanti novità, a cominciare dallo scenario meraviglioso della città di Catania. Non ci si abitua mai alla grande e calorosa accoglienza del popolo siciliano e in particolare del territorio etneo”.

 

Cibo Nostrum 2019, come già sottolineato, racconterà il tema del prendersi cura degli altri e del piacere di farlo, così come è intrinseco nella filosofia stessa del cucinare. Quest’anno l’obiettivo sarà raccogliere fondi da devolvere al DSE (Dipartimento Solidarietà Emergenze) FIC, alla Comunità di Sant’Egidio e alla Locanda del Samaritano.

 

Questa, infine, la squadra che affianca la Federazione, con in prima linea la Città di Catania, Con.Pa.It. (Confederazione Pasticceri Italiani), AIC Sicilia, Blu Lab, La Cook Agency, La Valigia di Bacco, ciascuno con il proprio fondamentale ruolo con cui contribuirà a rendere indimenticabile l’edizione 2019.

About The Author

Related posts