Punti di Vista

Adesso è tutto a posto, per tutto dicembre, almeno sembrava

Pareva tutto a posto, per salvare il Natale, fino a tutto dicembre, no almeno fino a gennaio.

Pareva tutto a posto, per salvare il Natale, fino a tutto dicembre, no almeno fino a gennaio. No, anzi fino a marzo dell’anno che verrà.

Le categorie rappresentative dei ristoratori, alberghieri, di settori commerciali e dei servizi, si sono schierate sul principio della sacrosanta protezione della salute personale e in prospettiva di quella collettiva per il bene della Nazione tutta e delle attività economiche.

Gli operatori l’hanno accettato, e i dipendenti si sono assoggettati.
Senza il super GP, che non è il Gran Premio di Formula 1, non si accettano clienti, stop.

Ovviamente senza salute non si può lavorare e senza entrate non si può mantenere la famiglia.
Anche considerando che i ristori statali sono stati carenti, esigui e non tempestivi.
I precedenti lock down da Covid sono stati un vero dramma.

E poi bisogna avere fiducia nella Scienza, e ancor più nei nostri governanti, che devono sapere il fatto loro, altrimenti che ci stanno là a fare.

Bene, ora con questo Super Pass tutti possono lavorare, riprendere le attività e portare a casa i soldi per mantenere i figli e per dare uno stipendio ai dipendenti.

Adesso è tutto a posto

Che se poi, una volta punturati tutti, qualcuno del gruppo si ammala è colpa di qualche cliente sconsiderato che non l’ha fatto.

Tutto logico, per chi ne è convinto fino al midollo, per chi ancora ce l’ha il midollo.

I gestori/imprenditori potranno godere i clienti per tutte le Festività.

Davvero è tutto a posto?

Perché allora fioccano le disdette delle prenotazioni, soprattutto nelle località turistiche? Almeno da quanto riportano le cronache.
Pochi gli Italiani entusiasti, scoraggiati gli stranieri.
Certo, meglio poca gente che nessuno.

La maggior parte di Fiere e Mercatini Natalizi è già stata annullata, con dispendio delle spese già accollate, e quelli che ce l’hanno fatta sono concentrati in pochi stand.
Niente giostre per i bambini.
Chi allora girerà per i baracchini?

Mentre è sempre ingarbugliata la faccenda dei controlli.

Quante persone per tavolo? Quanti tavoli? Avventori in piedi, avventori seduti.
Che confusione, che caos.

Tutto a posto, ma niente in ordine.

Ricordiamoci che non ci sono limiti per chi accetta di essere limitato.
La paura fa inginocchiare, prostra anche gli intrepidi.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button