Stile e Società

Osteria Vecchio Cancello

Le strade che portano verso la stazione sono caotiche in tutte le città. Firenze  non è da meno ma basta  svoltare in una delle stradine che guardano verso la parte opposta del centro  per entrare in un mondo diverso. Pochi metri ma cessa il traffico e torna la dimensione della vecchia città. Accade così anche  per Via Guelfa dove, al 138r , si trova l’ Osteria Vecchio Cancello.  Pochi mesi dall’apertura e già meta di vecchi e nuovi clienti. Vecchi sì perché in cucina c’è Fabrizio Angilella,  ristoratore di lungo corso con un fortunato ristorante alle spalle, scelte diverse e ora, finalmente, di nuovo al timone di una sua cucina.

????
acqua cotta

Al suo fianco, in sala, la vivace figlia Eleonora e il cugino, uomo di poche parole ma di grande gentilezza. Perché parlare del Vecchio Cancello? Prima di tutto per le scelte di qualità e coerenza  che vengono fatte ogni giorno e poi per le proposte della cantina soprattutto quelle legate alla produzione del podere di famiglia: Il Cancello.

Una storia che arriva da lontano. È attestato che la famiglia Vitali nel 1438  era già conosciuta come  famiglia di agricoltori e allevatori e vignaioli dal 1635. Dalla natia Londa i fratelli Vitali negli anni’70 si stabilirono  nel cuore del Chianti a San Casciano Val di Pesa dove si trova il podere.

20151008_133048Quello stesso podere che oggi produce ottimi vini e olio, gli stessi che si possono degustare in Osteria. Scelte convincenti con produzioni ottime sia nei bianchi che nei rossi: IGT Toscana “Il cancello” Sangiovese e Canaiolo bio, IGT Toscana “Campo alla Pineta” Ciliegiolo bio (assolutamente piacevole)  solo per citarne alcuni. Scelte che nella carta dei vini sono accompagnate da etichette interessanti con provenienze da tutte le regioni.

All’ Osteria  Vecchio Cancello si respira quell’aria elegante della vera semplicità, e niente sembra lasciato al caso. La cucina è piccola ma questo non impedisce allo chef di creare piatti assolutamente appaganti, equilibrati e ben presentati. La grande attenzione alle materie prime, rigorosamente italiane, possibilmente locali e di stagione fanno la differenza.

????

Menù di terra e di mare della migliore tradizione toscana ma anche qualche piatto vegetariano decisamente ben cucinato (come la deliziosa e fresca parmigiana di melanzane con pomodoro crudo e la più buona acqua cotta che abbia mai assaggiato). E sul finale vale la pena di lasciare il posto al dessert (strepitosa la crema di mascarpone all’arancio amaro) rigorosamente di produzione dell’Osteria Vecchio Cancello.

 

Bentornato Fabrizio e ben trovata Eleonora!

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button