Notizie Italiane

Ora è il momento della solidarietà ai norcini

Sotto le macerie del terremoto che dal 24 agosto 2016 fino al tremendo scossone del 30 ottobre ha devastato i paesi delle valli appenniniche del Centro Italia, migliaia di imprenditori hanno visto frantumarsi il lavoro di una vita di generazioni.

Secondo una provvisoria stima della Coldiretti sono circa 3 mila le aziende, per lo più a conduzione familiare, che sulla dorsale appenninica, nei territori dei comuni tra Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, hanno subito danni calcolati in oltre 2 milioni di euro, non solo per stalle, fienili e capannoni crollati o lesionati, ma per il rischio di perdita del bestiame il quale, oltre ad aver subito uno stato di shock (come è naturale), soffre pure per mancanza di abbeveramento, visto che l’acqua degli acquedotti, lesionati, non è potabile.

Solo a Norcia si trovano circa 200 stalle, mentre si stimano in duemila le mucche e diecimila le pecore.
Gli allevatori di suini terremotati a Norcia e nella Valnerina sono fornitori di aziende che ogni anno producono 800 mila prosciutti, frutto di tecniche che fanno del “norcino” una figura unica e insostituibile nel processo di lavorazione dei prosciutti. È il “norcino” infatti che si occupa di abbattere il maiale e di lavorarne le carni, con mestiere ed esperienza antichi, rispettando fasi e standard rigorosi.

Questi piccoli imprenditori chiedono di continuare a produrre, anche se de-localizzati, con l’allocamento del bestiame in strutture protette, per la solidarietà dei colleghi umbri e marchigiani, anche se più di qualche titolare d’azienda al momento ha ingaggiato trattative per svendere il proprio bestiame a “sciacalli” compratori approfittatori delle disgrazie altrui.

Nel web sono partite diverse iniziative di solidarietà nel nome di #compriamoilprosciuttodiNorcia e #ilovenorcia, sulla scia di quanto è stato promosso per l’Amatriciana di Amatrice.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button