Stile e Società

Onde elettromagnetiche al posto del rame nel vigneto

I vigneti e altre colture possono essere trattati ottenendo i benefici portati dal rame senza usarlo nei terreni. Luciano Castaldi responsabile scientifico di Ied Bioe Italia ha messo a punto dopo quattro anni di studi un sistema che utilizza acqua esposta alle onde elettromagnetiche del rame.

L’acqua ha lo stesso effetto sul terreno come se fosse stato irrorato con il rame.

Il progetto di Supra Molecolar Tecnology finanziato dal gruppo Ker Holding è  basato sugli studi della Università Agricola Statale di Kazan e dell’Istituto della Accademia Russa delle Scienze della stessa città.

La sperimentazione è durata quattro anni e ha riguardato 35 campi pilota.

Oltre le vigne sono state trattate colture di grano, patate e basilico.

I risultati certificati attestano il miglioramento delle colture quali il grano e ottimi risultati in vigna contro la peronospora.

Le analisi effettuate sui terreni dopo i trattamenti non hanno rilevato presenza di alcun residuo.

L’acqua condizionata al rame non inquina poiché viene semplicemente esposta alla lunghezza d’onda del rame.

Si tratta solamente di trovare la lunghezza d’onda giusta.

Lo studio e le soluzioni non si fermano solo al rame.

Esiste una nuova frontiera dell’agricoltura che si proietta oltre il biologico.

Questo sistema non è una novità assoluta.

Energie, onde elettromagnetiche e risposta cellulare sono aspetti noti da tempo nella ricerca.

Albert Einstein affermava che prima della materia c’è l’energia e il sistema Supra Molecolar Tecnology dimostra questo principio.

L’energia si può usare al posto della chimica, dei fitofarmaci e dei pesticidi utilizzando i segnali energetici delle sostanze HZ.

Si ottiene la stessa efficacia dei sistemi tradizionali ma non si provocano danni all’ambiente e ai terreni.

Supra Molecolar Tecnology è stato ideato nell’ambito della chimica supramolecolare.

Si studiano e analizzano i nuovi aggregati molecolari tra gli elementi chimici e le energie che li contraddistinguono.

Tutto ciò a beneficio di sistemi di coltura, e non solo, sostenibili e non inquinanti.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio