Stile e Società

Oleoturismo, nuova frontiera del gastroturismo

Di Oleoturismo ed esperienze di Turismo dell’Olio si è discusso a Trieste nella seconda giornata di Olio Capitale, nel corso di un Convegno in cui è emersa la soddisfazione per il nuovo slancio che il ramo delle offerte turistiche ha trovato dopo i due anni di misure restrittive a causa dell’emergenza sanitaria.

Al convegno “Olive Oil Experience: la nuova frontiera del turismo enogastronomico” hanno preso parte tra altri Elena Parovel, consigliere nazionale Movimento Turismo del Vino, Roberta Garibaldi, presidente della giuria del Concorso nazionale Turismo dell’Olio, e anche Michele Sonnessa, presidente dell’associazione Città dell’Olio, Paolo Morbidoni, presidente Federazione italiana Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori, e Vito Segnati, direttore del Network Mirabilia.
È seguito un seminario formativo sul come creare un percorso di visita e accoglienza nel turismo dell’olio.

L’oleoturismo è un fenomeno recente che va organizzato nel rispetto dei dettami della recente legge sull’oleoturismo e dai suoi decreti attuativi.

Le esperienze turistiche legate all’olio extravergine di oliva rappresentano la nuova frontiera del gastroturismo, e una nuova attrazione culturale che tuttavia necessita di intercettare i diversi bisogni dei viaggiatori.

Tra gli aspetti emersi nel corso del Convegno, è stato evidenziato che nel Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano a cura di Roberta Garibaldi, amministratore delegato di Enit, alcuni dei dieci trend riguardano il turismo dell’olio.

Ad esempio: la scoperta degli itinerari dell’olio, che necessitano di strumenti operativi che permettano alle imprese olivicole, alle attività ricettive e di ristorazione e ai tour operator per costruire in sinergia esperienze olio-enogastronomiche accattivanti.
Ma anche la necessità di una svolta digitale dei Musei del Gusto e delle Oleoteche, che nel futuro potrebbero trasformarsi sempre di più in hub gastronomici, spazi poli-funzionali e mettere in rete i produttori garantendo loro visibilità.
E ancora il rinforzo degli agriturismi come luoghi di benessere dove fare esperienze uniche, favorendo il riconoscimento del territorio e facilitando l’arrivo dei turisti soprattutto nelle aree rurali.

Bisogna allargare la conoscenza e l’offerta, «e far capire che dietro il prodotto olio c’è un territorio e ci sono degli straordinari produttori», come ha affermato Paolo Morbidoni, presidente della Strada dell’Olio Dop Umbria e Coordinatore delle Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria.

Paesaggio e prodotto sempre più legati

Oggi il turista è più attento, valuta con attenzione non solo la qualità dei prodotti e alle specialità culinarie locali, ma anche il paesaggio.

Le esperienze oleoturistiche, in verità, non possono ridursi alla semplice degustazione di olio nuovo, ma è necessario costruire un complesso di iniziative ed esperienze che facciano vivere il territorio nel suo complesso, soprattutto raccontando la storia che c’è dietro al prodotto e intorno ai luoghi.

Devono essere coinvolti, i produttori, i trasformatori, i ristoranti, le botteghe, le oleoteche, i musei, i punti informazione, insomma le piccole comunità, come ha dichiarato Michele Sonnessa, presidente dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio lanciando a Olio Capitale il nuovo bando per progetti di oleoturismo, che prevede tra l’altro la collaborazione con Movimento Autonomo Agenzie di Viaggio Italiane (Maavi).

Il 58% dei turisti valuta importante nella scelta della meta la presenza di piste ciclabili, 54% vorrebbe poter svolgere tour in biciletta/MTB negli uliveti e/o vigneti, il 46% fare jogging o trekking in questi stessi luoghi.

Numerosi sono gli agriturismi che hanno iniziato ad offrire nuove formule come percorsi di oil trekking o tour in bicicletta tra gli uliveti, abbinati a degustazioni di prodotti locali.

Elena Parovel, consigliera nazionale Movimento turismo del vino, ha spiegato come da anni siano organizzate le camminate negli ulivi, in collaborazione con l’Associazione Nazionale Città dell’Olio: ci sono i frantoi che aprono le porte durante la spremitura per far vedere e assaggiare il prodotto durante il processo di produzione con degustazioni nelle loro aziende.

La Parovel, titolare assieme al fratello dell’azienda omonima a San Dorligo della Valle (Ts), ha raccontato l’esperienza realizzata nel mese di agosto dello scorso anno con l’evento “Arte a cielo aperto”, che ha coinvolto il Comune stesso in collaborazione con i produttori e il teatro la Contrada con gli uliveti che hanno ospitato delle perfomance artistiche.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button