In occasione dell’8 marzo, i dati Fipe sulla presenza femminile nei ristoranti italiani

In occasione dell’8 marzo, i dati Fipe sulla presenza femminile nei ristoranti italiani

Print Friendly, PDF & Email

Per l’8 marzo 2018, giornata dedicata alla “Festa delle donne”, la Fipe diffonde un comunicato con cui rende omaggio non solo alle clienti che nell’occasione ceneranno fuori casa, ma anche alle tante operatrici del settore.

Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, vuole ricordare e festeggiare tutte le donne che ogni giorno lavorano nei bar, nei ristoranti e nei locali lungo lo Stivale, molte delle quali saranno operative anche giovedì sera, per servire chi andrà a festeggiare l’8 marzo.

È statisticamente attestata la crescita il numero di donne lavoratrici autonome e imprenditrici, per eredità familiare o per propria passione, una grande risorsa che crea valore alla nostra economia.

L’Ufficio Studi Fipe conferma che nel numero degli occupati nei bar e ristoranti dello Stivale un significativo incremento vede protagonista la componente femminile.
Cosicché, secondo i dati Fipe, le donne costituiscono ad oggi il 52,3% degli occupati nel settore contro il 47,7% degli uomini.
Uno scenario in cui operano 394.435 lavoratrici dipendenti, di cui 124.363 nei bar (il 31,5%), 183.632 nei ristoranti (il 46,6%) e 86.440 in altre tipologie di pubblico esercizio.

Le analisi del rapporto Fipe specificano che il 20,7% delle lavoratrici negli esercizi della ristorazione ha una età inferiore ai 20 anni mentre il 30% ha un’età compresa tra i 20 e i 30 anni, segue la fascia d’età 30-40 anni (il 23,4%).

Confidando che tali donne, oggi giovani, possano avere una stabile continuità professionale ai fini pensionistici, partecipiamo con questo spirito alla giornata universalmente celebrativa, al di là delle posizioni femministiche ed ultra populiste.

Maura Sacher

About The Author

Related posts