Punti di Vista

Nuotare contro corrente o battersi come don Chisciotte?

Nuotare contro corrente implica il possesso di grandi qualità fisiche,

Nuotare contro corrente o battersi come don Chisciotte?

Nuotare controcorrente implica il possesso di grandi qualità fisiche, spalle muscolose per gestire le bracciate, dominio del proprio respiro.
Chi nuota contro la corrente lo fa o per necessità o per coraggio.

Più o meno tutti abbiamo nuotato contro corrente almeno qualche volta nella nostra vita, per farci ascoltare, per imporre il nostro punto di vista.

Ma abbiamo anche lottato contro i mulini a vento come don Chisciotte, per un nulla, contro nostri fantasmi mentali.

Nuotare contro corrente o battersi come don Chisciotte
Nuotare contro corrente o battersi come don Chisciotte

E spesso, nell’uno o nell’altro caso, non abbiamo ottenuto granché di soddisfazione.

 

 

In principio, l’anno scorso, tutti si sono sentiti responsabilizzati per un unico fine, sacrificare la propria singola libertà per il bene comune, la salute dell’intera Nazione.
Perché credevamo di risorgere.

Poi, qua e là, qualcuno ha aperto gli occhi.
La gente si è accorta che ci avevano mentito.

Così, hanno cominciato a nuotare contro corrente tanti ristoratori e gestori di locali pubblici, contro le chiusure e le misure imposte in nome della generale sicurezza sanitaria.

Ci sono stati momenti in cui veniva posta la domanda se era meglio soccombere di Fame o di Covid.

Adesso la domanda è diventata: meglio rischiare la Morte o una morbilità grave per un vaccino o sperare di non farsi contagiare dal virus e dalle sue innumerevoli varianti, accettando di buon grado un lasciapassare che dà la facoltà di esercitare il diritto sacrosanto di lavorare?

A questa domanda si sta aggiungendo l’appendice: è meglio rischiare un’altra serrata sotto le Feste Natalizie o imporre la vaccinazione ai riottosi?

Si sta da una parte o dall’altra?

Nuotare contro corrente o battersi come don Chisciotte?

Da parte di quelli che nuotano contro corrente o da quelli che si corazzano dietro ai portabandiera?
Certo, stare dietro alle bandiere è più sicuro che combattere contro i mulini a vento.

Oggi come oggi, non si può restare indifferenti.

Le cose, ad ogni modo, non sono come ce l’hanno raccontata e ce la raccontano.

Chi ha orecchie intenda, e speriamo di intenderla nel modo giusto!

Non è ancora chiara la linea dell’orizzonte, si sposta sempre più in là e intanto nubi nere sopra e dentro di noi.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button