Stile e Società

Notizie dal mondo agroalimentare italiano

Uno degli ultimi atti del governo Conte è stato la firma del decreto "Disposizioni nazionali concernenti i programmi di sostegno al settore dell'olio d'oliva e delle olive da tavola".

Uno degli ultimi atti del governo Conte è stato la firma del decreto “Disposizioni nazionali concernenti i programmi di sostegno al settore dell’olio d’oliva e delle olive da tavola”.

Si tratta di un importante decreto concordato durante l’ultima Conferenza Stato – Regioni e riguarda il periodo transitorio in attesa della nuova PAC – Politica Agricola Comunitaria per quanto concerne il settore olivicolo e delle olive da mensa.

I programmi e gli interventi entreranno in vigore il 1 Aprile e avranno termine il 31 Dicembre 2022.

La dotazione ammonta a 69,2 milioni di euro dei quali 34,59 sono contributi erogati dalla UE.

Il settore ne aveva veramente necessità visti i problemi scaturiti dalla Xilella e dalla concorrenza sleale di altri paesi produttori del bacino del Mediterraneo.

La UE compensa in parte i danni causati agli olivicoltori e all’olio extravergine italiano da una politica di forte penalizzazione perpetrata negli anni.

Il 20 % della somma potrà essere speso per interventi migliorativi dell’impatto ambientale.

Il 30 % è destinato a migliorare la qualità della produzione anche se molte aziende italiane comprano oli e olive non prodotti in Italia.

La legge UE lo consente purtroppo. Il 15 % può essere speso per intervenire sulla tracciabilità e la certificazione della qualità dell’olio e delle olive da mensa.

Aumenteranno i controlli degli oli che vengono venduti ai consumatori attraverso sistemi di certificazione volontaria della qualità. 

Sarà possibile finanziare e realizzare sistemi di controllo del rispetto delle norme e della qualità dell’olio d’oliva e delle olive da mensa commercializzate.

Nel 2020 è aumentato in GDO l’acquisto di prodotti alimentari biologici facendo segnare un + 4 %.

Nel panorama di crescita delle vendite alimentari nei canali retail ovverosia vendite al dettaglio resta invariata l’incidenza nei carrelli degli Italiani della spesa bio ferma ad un 3,3 %.

Per le feste natalizie il divieto di grandi cene in famiglia, convivi e veglioni non ha frenato gli acquisti di prodotti biologici.

La spesa nei punti vendita della GDO concernente questa tipologia di prodotti ha fatto registrare nel 2020 un aumento del 6 % nelle tre settimane di festa rispetto allo stesso periodo del 2019.

Sono stati soprattutto i vini e gli spumanti bio con un + 27 % a guadagnare quote di rappresentatività nel settore.

Molto bene gli ortaggi un + 11 %  e la carne con + 15 % mentre la frutta certificata bio ha subito una flessione del 2 % nella GDO.

Gli acquisti di prodotti biologici si sono concentrati al Nord con il 64 %, in aumento nell’Italia Centrale con un + 8 % e un 25 % complessivo, Sud e isole fanno segnare un 11 % di acquisti.

Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button