Punti di Vista

Non vedo, non sento, non parlo

Questa è la storia delle tre scimmiette, raffigurate iconograficamente nei gesti del “non vedo, non sento, non parlo”, che si chiudono gli occhi, le orecchie e la bocca.

È spesso considerata una metafora dell’omertà o quantomeno dell’ipocrisia umana, pochi sanno che si tratta di tre scimmiette “sagge”, statue guardiane del santuario di Toshogu a Nikko, in Giappone, tempio shintoista che risale al 1617.
In verità, sembra che esse rappresentino una saggezza antica, un codice di condotta risalente a più di 2500 anni presso le più antiche civiltà di Cina, India e Giappone.
Si tratta di un invito a non concentrarsi su ciò che è negativo, il male, ma elevarsi a vedere, sentire e dire ciò che di bello illumina la vita.

Tuttavia, il senso comunemente oggi attribuito alle tre scimmiette è inteso come un’esortazione a non impicciarsi negli affari altrui, a chiudere gli occhi per non vedere il male, o dire di non aver visto, a tapparsi le orecchie per non sentire, a coprirsi la bocca per non parlare di ciò che si è venuti a sapere o ciò che direttamente si conosce.
Una regola espressa anche in proverbi come “chi si fa i fatti suoi, campa cent’anni”.

E così la ritroviamo in tanti fatti di cronaca nera, purtroppo.
Ma anche recentemente in quei fattacci che coinvolgono le toghe e i giornalisti che seguono i casi giudiziari.
Non vedo, non sento, non parlo, però …
Altroché certi parlano! Spifferano tutto o quasi tutto.
Certi non hanno visto, e si chiamano fuori.
Altri non sentono, non hanno mai sentito niente, né letto niente sulle carte.

Risultato? Non si parla del male, non si vuol vedere il male e nemmeno sentire il male, ovvero il marcio! Un marcio stomachevole!
Stomachevole per chi ci capisce qualcosa, e anche per chi non ci ha capito niente di tutti gli intrecci.

È normale tutto ciò in una Nazione civile?
Non sarebbe il caso che “qualcuno” si risvegliasse dal torpore delle sue funzioni puramente rappresentative e facesse un po’ di pulizia, azzerando cariche e incarichi?

Ma senza la consuetudine di latina memoria del «Promoveatur ut amoveatur».

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button