Punti di Vista

Non crediamo alle promesse da marinai

Non crediamo alle promesse da marinai, che secondo il detto hanno una donna in ogni porto.
Così appaiono i nostri politici già all’inizio di questa campagna elettorale in vista delle prossime elezioni nazionali per il rinnovo del Parlamento, e “rinnovo” è un auspicio.

Promesse ne abbiamo sentite troppe, da anni, sparate sempre più alte e più grosse, dalle bocche di imbonitori da fiera, e da tutte le parti. Se fino a poco tempo fa sentivamo proclamare che la recessione è quasi finita, anzi c’è una ripresa dell’economia generale, mentre il cittadino attento si accorgeva che lor signori stavano giocando con i numeri, come mai il Presidente del Consiglio ancora in carica pochi giorni or sono ci ha fatto sapere che non possiamo considerarci delle cicale, ossia dobbiamo ancora vivere da formiche, e risparmiare?

Eppure, vengono pubblicati dati confortanti sull’aumento delle esportazioni delle merci italiane nei mercati esteri, vino, spumante, generi alimentari specie verso gli USA, il Canada, la Cina e persino il Giappone. Al contempo nel settore del turismo, albergatori e ristoratori hanno fatto il pienone nei giorni delle vacanze natalizie.

Siamo già bombardati da promesse di radicali cambiamenti, per ogni settore della nostra vita, e quando arriverà la data, tutte le nostre speranze saranno riposte in quella croce che metteremo sulla scheda.
Ognuno con il suo voto, mettendo una mano sulla coscienza e l’altra a tappare il naso, spererà di poter essere protagonista nel proprio piccolo nel raddrizzare il timone del Paese.

Votare è un dovere, oltre che un diritto, anche se il disincanto, la sfiducia, lo scetticismo sono dilaganti, specie di fronte a tante promesse, ma per salvare il nostro sistema economico, a cui contribuiscono dolorosamente e faticosamente le miriadi di piccole aziende del nostro Bel Paese, non dobbiamo credere ai marinai o cedere all’astio, bensì affidarci alla nostra intelligenza, perché in gioco ci sono non solo le nostre libertà di cittadini ma soprattutto le prospettive di lavoro per i giovani presenti e futuri e di sviluppo delle nostre piccole imprese, troppo tartassate.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button