Nell’azienda Monte Monaco i legumi dei Monti Sibillini diventano pasta

Nell’azienda Monte Monaco i legumi dei Monti Sibillini diventano pasta

Print Friendly, PDF & Email

La società agricola Monte Monaco srl, con sede a Montemonaco, in località Collina (Ascoli Piceno), nasce nel 2017 da un’idea di Vittorio Petrelli Brunati, cultore di tradizioni contadine e da anni impegnato nella ricerca e sviluppo di un processo produttivo per la realizzazione di pasta 100% farina di legumi bio.

Con l’obiettivo di promuovere nell’area, duramente colpita dal sisma, la nascita di un distretto del food di alta qualità, l’Azienda è ricorsa alla piattaforma sviluppata da Next Equity Crowdfunding Marche srl, prima società nelle Marche e quinta in Italia ad essere stata autorizzata da Consob a svolgere attività di «equity crowdfunding». La campagna di raccolta fondi si è chiusa a marzo ed in quattro mesi ha raggiunto 600mila euro, importo massimo previsto.

“Conclusa la fase delle sottoscrizioni – afferma Andrea Marziali, amministratore della Monte Monaco Srl – con la migliore performance, siamo pronti ad investire nel potenziamento del pastificio per conquistare nuove quote di mercato, in particolare nei Paesi del Nord Europa. E vogliamo farlo spingendo sulla qualità della produzione di legumi dell’alto Fermano e del comprensorio dei Monti Sibillini. E’ nostra intenzione chiamare a raccolta i coltivatori, unire le forze per fare sistema e valorizzare caratteristiche che il territorio possiede ampiamente e può giocarsi al meglio. Un percorso di condivisione importante per il quale chiediamo il contributo delle istituzioni”.

L’azienda punta a coinvolgere nella produzione i coltivatori di legumi della zona, giacché le coltivazioni in altura, nell’ambiente incontaminato del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, fra le sorgenti dei fiumi Aso e Tenna, garantiscono produzioni di legumi di eccellente qualità, coltivati con metodi semplici e tradizionali, seguendo le antiche tradizioni locali, senza intervento di agenti chimici.

L’azienda Monte Monaco ha appena acquistato un immobile di 800 metri quadri a San Ruffino di Amandola (Fermo), dove a fine anno verrà trasferito il pastificio, mentre a breve verranno effettuati ulteriori investimenti in macchinari di ultima generazione capaci di intensificare la produzione, mantenendo vivi i valori della maestria artigianale.

La granella di ceci, lenticchie, fave e piselli, 100% bio, con basso livello di glutine, ricca di proteine e fibre, macinata a pietra e mescolata con acqua, diventa l’impasto ideale per la produzione di pasta ricca dei principi nutritivi donati spontaneamente dalla natura, perfetta per la dieta mediterranea.
La speciale trafilatura al bronzo e la lenta essiccazione a bassa temperatura garantiscono alla Pasta Monte Monaco l’integrale conservazione delle caratteristiche nutrizionali proprie dei legumi.

Nel frattempo la Monte Monaco si è già ritagliata un ruolo importante nel panorama agroalimentare internazionale, negli ultimi mesi la pasta di legumi gluten free, interessante per i vegani e adatta ai celiaci, è approdata in Polonia e in Canada. Ha riscosso grandi consensi nelle principali fiere e manifestazioni internazionali di settore, dalla Biofach di Norimberga, al Cibus Connect Parma, al Tuttofood di Milano, al Summer Fancy Food di New York, dove sono state presentate alcune campionature per un prestigioso marchio statunitense.

Maura Sacher

About The Author

Related posts