Vini e Ristorazione

Negramaro: intervenire sul Registro Nazionale delle Varietà.

Negramaro. Sembra impossibile ma dal Registro Nazionale della Varietà” manca il termine “Negramaro”. Un’assenza che preoccupa molte aziende del settore che continuano, in buona fede, ad etichettare il vino con indicazione geografica tipica con l’indicazione “Negramaro.
Il vitigno a bacca nera coltivato in Puglia e in particolare nel Salento regala un vino dal colore rosso-rubino spinto al granato con riflessi quasi neri, intenso fruttato dal gusto amarognolo. Un tempo utilizzato come uva da taglio è oggi molto richiesto.

negroamaro
Un vitigno antico la cui introduzione nel nostro Sud viene attribuita ai Greci a cui, alcune fonti, attribuiscono il nome (dai termini “niger” e “mavros” che, rispettivamente, significano “nero” in latino ed in greco: quindi, “Negroamaro)
Un’assenza che va colmata e per questo motivo il Senatore Dario Stefàno, capogruppo in Commissione Agricoltura del Senato e primo firmatario del ddl sull’enoturismo attualmente in esame al Senato, ha inoltrato agli uffici del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali di Via XX Settembre una richiesta che porti al superamento del problema. “Attualmente la sinonimia, in principio ammessa, tra “Negroamaro” (o Negro Amaro o Nero Amaro) e “Negramaro” non trova collocazione nel Registro Nazionale delle Varietà.
“Recuperare e salvaguardare la denominazione Negramaro ci permette anche di recuperare l’identità di quella cultura enologica, il cui nome – ricorda Stefàno – deriva dal termine dialettale salentino “njurumaru” e non “njuruamaru” e di conseguenza valorizzarla”.
Con la sua richiesta al Mipaaf,  Stefano sollecita ad edeguare il Registro Nazionale delle Varietà, ripristinando il sinonimo “Negramaro” alle voci 163 (Negro Amaro N) e 361 (Negroamaro precoce N) e con l’integrazione almeno dei decreti Igp che prevedono attualmente il solo Negroamaro, Negro Amaro o Nero Amaro.

Roberta Capanni
:::


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button