Stile e Società

Nebbiolo nel Cuore IX edizione: la festa romana del Nebbiolo si è di nuovo compiuta

Consueto bagno di folla al Grand Hotel Palatino per una delle manifestazioni più amate dai wine lovers della capitale

La stagione delle degustazioni romane può dirsi veramente entrata nel vivo quando si svolge Nebbiolo nel Cuore 2023. La manifestazione giunta ormai alla IX edizione quest’anno si è tenuta nelle sale dell’Hotel Palatino di Via Cavour. A beneficio degli appassionati presenti l’organizzazione Riserva Grande guidata da Marco Cum, ha di nuovo fotografato il mondo del Nebbiolo attraverso la partecipazione dei tanti produttori intervenuti.

La due giorni come al solito ha evidenziato le peculiarità di un fantastico vitigno  che abbina potenza ed eleganza come forse nessun altro al mondo,  capace di interpretazioni sempre di grandissima personalità nelle sue diverse letture del territorio .

Oltre 50 produttori per centinaia di bottiglie, provenienti non solo dalle Langhe ma un po’ da tutte le espressioni di territorio e dalle Doc in cui è il Nebbiolo a farla da protagonista assoluto.  Come sempre a corredo della degustazione tra i banchi d’assaggio, un interessante programma di seminari  sviluppato su 3 grandi focus tematici.

Ha iniziato Marco Cum presentando la masterclass: L’evoluzione del Nebbiolo, che proponeva in degustazione grandi annate storiche di grandi Nebbioli provenienti da diverse zone di produzione. Un appuntamento da non perdere per i fans più incalliti del vitigno,  vista l’occasione davvero rara di poter degustare tutte insieme 12 tra le referenze più prestigiose di vini ottenuti da quest’uva nei suoi differenti cloni.

Sempre Marco Cum affiancato dai produttori presenti ha condotto  la masterclass: Le zone e i Terroirs del Roero. Orizzontale di Roero docg provenienti dai vari territori, che attraverso 8 annate in degustazione ha evidenziato le peculiarità di una denominazione di grande interesse, capace di trovare un suo pubblico di estimatori senza temere l’ingombrante altezza qualitativa dei suoi vicini Barolo e Barbaresco.

A chiudere il programma degli approfondimenti hanno pensato Saula Giusto insieme ad Andrea Porta del ristorante Faliuchè, che hanno presentato la masterclass: Il Piemonte a tavola e l’abbinamento cibo-vino, proponendo gli abbinamenti della cucina piemontese con i vini presenti all’evento.

Tra i banchi d’assaggio invece la festa del Nebbiolo ha saputo coinvolgere anche gli altri vitigni Piemontesi fornendo un quadro ancora più ampio del territorio. Dagli Arneis, bianchi di ottimo profilo e al Dolcetto, vino del quotidiano per tradizione dotato di frutto e gustosa fragranza, fino al Barbera vino festoso e godurioso nella sua ragion d’essere, ma che in molti ormai vinificano anche in maniera più strutturata nel tentativo di aumentarne l’importanza.

Fare menzioni di merito è veramente difficile visto il parco dei partecipanti. La cosa che si può osservare invece è come vicino ai “soliti noti” conosciuti in tutto il mondo e pluripremiati dalle guide internazionali, si affianchino nuove leve che riescono a trovare la loro strada come un germoglio in una foresta di sequoie, trovando protezione per la propria crescita anziché un ostacolo.

A rappresentarli “uno per tutti” i  ragazzi di Merenda Sinoira, termine dialettale  ( da sin – cena) che indica la merenda di tardo pomeriggio che diventa un continuum con la cena, fatta di prodotti della tradizione gastronomica locale.

Tre amici appassionati della loro terra che nel vino trova una delle migliori espressioni  e con cui hanno voluto cimentarsi dopo il diploma in viticoltura, facendo tesoro dell’esperienza storica delle Aziende che punteggiano il loro territorio.

Tra i loro vini in degustazione Kidì Barolo Docg 2018 che già nella sua gioventù mostra l’equilibrio tra potenza ed eleganza,  insieme alle qualità del tannino che lascia intravedere una trama vellutata di sicuro ulteriore sviluppo nel futuro, e che segue un profilo olfattivo di buona complessità impreziosita da sfumature balsamiche.

Bruno Fulco

 

 

 

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button