Stile e Società

Nasce la Federazione UIV – BIO in connubio con FederBio

Nasce la Federazione UIV - BIO in connubio con FederBio

Nasce la Federazione UIV – BIO in connubio con FederBio

 

L’UIV – Unione Italiana Vini attiverà entro l’inizio dell’estate una federazione specifica dedicata alle imprese vinicole biologiche certificate in stretta collaborazione con FederBio.

 Questa è la federazione nazionale delle organizzazioni di tutta la filiera della agricoltura biologica e biodinamica. 

Un protocollo di intesa è già attivo tra le due organizzazioni. 

Lo scopo che si prefigge è di ricercare le dinamiche virtuose e i possibili aspetti di miglioramento del settore bio. 

E pure di collaborare attivamente con le istituzioni per studiare e attivare programmi di promozione. 

Da alcuni anni è attiva la collaborazione sugli aspetti tecnici e normativi inerenti i vini biologici. 

Nonché l’integrazione dei percorsi di certificazione biologica legati alla sostenibilità, energia e imballaggi che in questo periodo sono di stringente attualità a causa della guerra. 

In questo momento nel quale si affacciano contrapposizioni negative sugli approcci ad una sempre più necessaria sostenibilità è molto importante sostenere le attività del protocollo. 

I vini biologici rappresentano una grandissima opportunità nei mercati internazionali per il comparto vitivinicolo italiano. 

I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità e i prodotti biologici italiani sono in forte crescita di esportazioni. 

La viticoltura biologica ha grande cura del terreno e della sua fertilità, è attenta alla biodiversità e non utilizza prodotti chimici sintetizzati.

La pratica di coltivazione biologica incide attualmente per il 17,5 % sul Vigneto Italia con una superficie complessiva di 120.000 ettari coltivati con tale metodo. 

I lavoratori occupati nella filiera biologica e nelle aziende agricole bio sono oltre 200.000.  

La vendita dei prodotti bio è trainata principalmente dalla GDO e dai negozi specializzati. 

Senza trascurare il commercio elettronico che si è grandemente sviluppato nel periodo della pandemia e che ha registrato il 13 % del totale delle vendite per il settore degli alimenti biologici.

 Oltre 22 milioni di famiglie italiane hanno acquistato almeno una volta un prodotto bio nel 2021.

 L’ acquisto e il consumo di questa tipologia di prodotti è costantemente in crescita in tutti i mercati e questa tendenza è continuata e si è accentuata anche nel buio periodo del blocco causato dalla pandemia.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.
Dopo la donazione compila il form di sostenitori!

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio