Notizie Italiane

I musei del cibo della provincia di Parma

 

Dopo la pausa invernale hanno riaperto i Musei del Cibo della provincia di Parma. Un circuito che comprende sei percorsi museali nati per fare scoprire la storia e la cultura delle eccellenze gastronomiche di questo territorio: parmigiano reggiano, pomodoro, pasta, vino, olio salame e prosciutto. Raccontano la storia dei prodotti e delle tradizioni, ma sono luoghi dinamici dove la storia si vive per immagini, dimostrazioni, degustazioni, incontri, testimonianze. Rispondono a tanti perché e quindi sono utili a tutti, alle scuole, agli amanti del gusto, ai turisti, agli studiosi. Sono collocati sul territorio in luoghi significativi: il Museo del Parmigiano, a Soragna, nella bassa parmense, situato in un ex caseificio ottocentesco; quello del Prosciutto, si trova nell’ex Foro Boario di Langhirano, zona di lavorazione e commercio delle carni suine; il Museo del Pomodoro e il nuovo Museo della Pasta hanno sede nella Corte di Giarola, storico centro di trasformazione agroalimentare medievale e il Museo del Salame è situato nelle cantine del Castello di Felino, ambienti da sempre scelti per la conservazione e la stagionatura dei salumi. A chiudere il percorso la Cantina dei Musei del Cibo dedicata ai vini e ai prodotti del territorio che trova spazio all’interno dei suggestivi sotterranei e nella ghiacciaia farnesiana della Rocca Sanvitale di Sala Baganza.

Per pianificare al meglio il proprio itinerario tra i tesori del Parmense, si possono consultare facilmente i tragitti sul sito www.museidelcibo.it, nella nuova sezione denominata “Lungo le strade dei Musei del Cibo”. Per vivere un’esperienza a tutto tondo tra la Bassa e i Colli parmensi, il circuito propone infine la Musei del Cibo Card, un passepartout che consente di visitare a soli 9 Euro tutte le sedi espositive nell’arco di un anno solare e di ottenere sconti nei ristoranti con i quali i Musei hanno attivato le convenzioni.

I musei sono anche da sfogliare. A cura delle Grafiche Step è nata una collana di sette volumi con immagini e testi inediti. Ogni volume, scritto dalla giornalista Mariagrazia Villa e curato  da Giancarlo Gonizzi, coordinatore dei Musei del Cibo, è composto da un centinaio di pagine a colori che propongono vere e proprie esperienze di visita in forma di libro, tra arte, natura e produzione delle autentiche delizie della Food Valley italiana. Presentati in occasione dell’Expo sono reperibili presso le varie sedi museali.

 

Piera Genta


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button