Bologna e il resto del mondo

In vista misure per ovviare alla mancanza di materie prime e alimenti

In vista misure per ovviare alla mancanza di materie prime e alimenti

In vista misure per ovviare alla mancanza di materie prime e alimenti

Il premier Mario Draghi e l’esecutivo si trovano ad affrontare una situazione assai difficile. 

La guerra in Ucraina ha aggravato un periodo nel quale i cittadini e le imprese sono già oberati da inizio anno con bollette cresciute a dismisura e aumenti dei carburanti per auto-trazione. 

Questi ultimi non dipendono dal conflitto tra Russia e Ucraina. 

Il mancato arrivo di materie prime essenziali ha causato e sta causando cali di produzione. 

Molte imprese hanno chiuso e molte altre hanno ridotto l’orario di lavoro e i cicli di produzione. 

E i salari sono fermi mentre i generi di prima necessità vedono un aumento di prezzi aggravato dalla guerra. 

Oltre seicento contratti sono scaduti e molti attendono il rinnovo da anni, mentre l’inflazione sale al 5 %: un tasso così alto non si registrava dal 1974. 

Gli effetti della situazione pregressa e del conflitto portano a ipotizzare secondo il presidente del consiglio nel medio e lungo termine una logica di razionamento. 

Se la situazione dovesse peggiorare molto sono necessari interventi per ridurre i consumi di materie prime e beni strumentali. 

Questo significa un razionamento delle fonti energetiche quali gas, energia e carburanti. 

Si potrebbe arrivare a una riduzione degli orari di accensione dei riscaldamenti. 

Non solo. 

È ipotizzato lo spegnimento della illuminazione negli uffici ed edifici pubblici e nelle abitazioni. 

Altro che “m’illumino di meno”. 

In questi giorni si sono verificati fenomeni di  accaparramenti di prodotti alimentari primari quali farina, olio, pane e pasta. 

In alcuni punti vendita di catene della GDO sono stati svuotati scaffali di generi alimentari. 

Il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli dichiara che la situazione al momento non presenta dati di criticità, tuttavia è assolutamente necessario che le istituzioni si tengano pronte per evitare il panico tra i cittadini. 

Non si segnalano al momento diminuzioni di disponibilità di prodotti. 

Ma non è escluso che possa avvenire anche alla luce della difficoltà di rifornimenti dovuta al costo dei carburanti. 

Gli autotrasportatori non riescono a fare viaggi e guadagnare sul trasporto delle merci. 

In Italia oltre il 90 % degli approvvigionamenti di alimenti, carburanti e materie prime viene trasportato e consegnato tramite camion, autobotti e furgoni.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button