Notizie Italiane

Milano: riqualifica le cascine di periferia

Milano punta sulle statup dell’agroalimentare per riqualificare le periferie. Un progetto dal segno positivo che  punta alla creazione e riqualificazione di aziende attraverso il progetto “OpenAgri”,  progetto triennale da 6,2 milioni di euro, finanziato dalla Commissione Europea, capofila il Comune di Milano, a  cui aderiscono diversi partner tra cui la Fondazione Parco Tecnologico di Lodi, la Camera di Commercio di Milano, il Politecnico di Milano, la Università degli Studi di Milano. Potrebbe essere un progetto da applicare su larga scale a tutte le periferie degradate delle nostre città.

Gli aspiranti imprenditori potranno acquisire le competenze tecnologiche e manageriali utili per trasformare il proprio progetto in una realtà di successo agroalimentare all’interno dell’Incubatore Alimenta ubicato nel Parco Tecnologico di Lodi Science Park dove.

“L’agroalimentare è uno dei settori in cui la nostra Amministrazione crede con convinzione – ha dichiarato nel corso di una  conferenza il Sindaco di Milano Giuseppe Sala – Recupero delle cascine, valorizzazione del patrimonio e delle attività agricole, attuazione della food policy: sono questi gli ambiti in cui stiamo investendo e che intendiamo continuare a promuovere con azioni concrete. OpenAgri è senza dubbio un valido esempio di tale impegno. Si tratta di un progetto di qualità, che offrirà nuove opportunità professionali e imprenditoriali, grazie alla riqualificazione della cascina Nosedo e alla realizzazione nell’area di ‘Porto di Mare’ di un polo agricolo attrattivo e all’avanguardia”.

Le cascine, presenza dell’antico mondo rurale milanese, porteranno avanti tradizione e tecnologie avanzate atte alla creazione di aziende competitive. La prima cascina ristrutturata sarà la Cascina Nosedo di Milano che diverrà un polo agricolo d’eccellenza, ospitando startup del comparto agrifood e attività di inclusione sociale per la riqualificazione della periferia.

La Cascina Nosedo, vicina a Rogoredo nella periferia Sud di Milano, a ospiterà un “Open Innovation Hub” per l’agricoltura periurbana finalizzato alla valorizzazione dell’area milanese di “Porto di Mare” ai confini della frangia urbana tra il Parco Agricolo Sud Milano e il quartiere Mazzini. Sarà installato un impianto di coltura Acquaponica, cui si uniranno altri metodi di coltivazioni e colture “fuori suolo” e “in suolo”.
Ma questo è solo il primo progetto altri stanno partendo con tutto il loro carico di innovazione del settore sempre attenti all’inclusione sociale e alla riqualificazione di periferie che si pensavano perdute.

 

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button