Bologna e il resto del mondo

Metti una sera a cena al Borgo delle Vigne

Metti una sera a cena al Borgo delle Vigne

Metti una sera a cena al Borgo delle Vigne

Siamo al ristorante del Borgo delle Vigne sulle colline di Zola Predosa per assaporare in parte il menù di Ottobre. 

Tortelli di zucca con tartufo

Tocchetti di ottimo Parmigiano Reggiano invecchiato di montagna in abbinamento con crescenta calda precedono la cena.

Tartare con maionese e porcini

Iniziamo con una ottima Tartare del Bosco con porcini, porri croccanti e maionese tricolore,


abbinata con Magnificat Bianco Bologna DOC 2017 da uve Sauvignon 50 %, 
Pinot Bianco e Pignoletto alias Grechetto Gentile. 

L’etichetta della bottiglia riporta i colori del vestito di Isabella d’Este dipinto da Francesco Raibolini detto il Francia che è nato proprio in questo antico borgo ristrutturato. 

Voglio soffermarmi su questo vino assai particolare perché merita davvero.

 Ha un bellissimo colore giallo oro limpido e riflessi molto spiccati. 

Sentori spiccati di mandorla, frutta bianca matura e vaniglia emergono dal calice. 

Magnificat Uvaggio dei Colli Bolognesi 2017

Evidenzia più dei 12,5 gradi dichiarati in etichetta. 

Intenso, persistente, caldo al punto, giusto è contemporaneamente morbido e avvolgente. 

Viene affinato in botti grandi di rovere da 400 ettolitri e poi resta in bottiglia a perfezionarsi ulteriormente. 

È uno dei vini della Cantina Gaggioli che merita maggior spazio e considerazione data l’alta qualità complessiva.

 Arrivano in tavola squisite crescentine piccole e asciutte assai gradite. Il primo piatto: deliziosi Tortelloni di zucca guarniti con burro, noci tostate e tartufo nero senza risparmio come invece accade in altri ristoranti sedicenti prestigiosi. 

Continuiamo la cena e ad abbinare con il vellutato Magnificat. 

Seconda portata: Stracotto di manzo al Rosso Bologna DOC Colli Bolognesi 2018 e contorno di polenta arrostita croccante e lo abbiniamo giustamente con il Rosso Bologna. 

Stracotto di Manzo al Rosso Bologna Doc

Lo Stracotto è veramente ben preparato, morbido e gustoso, gradisco molto la guarnizione con polenta croccante arrostita. 

Il Rosso Bologna ha un bellissimo colore rosso rubino intenso e una unghia viva. 

Note di frutta di bosco matura, pepe nero, fiori rossi, tabacco, mora di bosco. 

Tracce di menta e verdura secca. 

Tannini molto fini. 

Persistente e giustamente secco. 

Terminiamo la gradita cena con un semifreddo di cioccolata e pere allo zenzero. 

Torneremo molto presto al Ristorante del Borgo delle Vigne magistralmente condotto da Letizia Gaggioli per gustare i piatti della cucina abbinati ai pregevoli vini della Cantina.

Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.
Dopo la donazione compila il form di sostenitori!

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio