Punti di Vista

Meno tasse, meno burocrazia, meno evasione, magari!

Meno burocrazia e semplificazione normativa, meno tasse e meno evasione, sono slogan che sentiamo ripetere da anni, decenni, sia in tutte le campagne elettorali sia da chi assurge al Governo del Paese.

Solo nelle ultime settimane, si sono alternate dichiarazioni di vari componenti delle forze al Governo che hanno imbottito la testa di chi stava attento per capire cosa gli sarebbe capitato, a danno o a beneficio. Non c’era stato tempo per entrare in crisi isterica, che subito arrivava la consolazione, salvo poi a ripiombare in nuove in certezze, sentendo parlare di rimodulazioni, agevolazioni, incentivazioni.

Si può gioire quando si sente dire con enfasi “abbiamo tagliato il cuneo fiscale”, ma chi, tra i semplici cittadini, ha capito cos’è il cuneo fiscale? Riguarda tutti?

Ogni giorno “quelli” se ne sono inventata una, e vogliamo nemmeno elencare le materie su cui da un giorno all’altro, dal mattino alla sera, hanno cambiato idea, hanno tolto di qua, aggiunto di là, rimodulato quello che veniva contestato, smussato quello che avevano detto, rettificato quello che avevano scritto.

E che risultati abbiamo?
Il risultato non è solo una gran confusione tra gli Italiani intelligenti, ma la mancanza di credibilità di questi governanti, perché è evidente che la manovra è una valanga di micro tasse, quasi invisibili ma pesantine, e che tutte le chiacchiere intorno sono solo una presa in giro.

Facciamo un solo esempio: le tasse sulla plastica e la tassa sulle bevande zuccherate. Buono il principio green e la lotta contro l’obesità, in linea con le politiche di altri Paesi, ma si è valutato l’impatto economico di rimbalzo? Queste tasse che vogliono colpevolizzare le bibite ed i contenitori di plastica vanno direttamente a colpire le aziende che fabbricano le bibite zuccherate e quelle che producono i contenitori, anzi i lavoratori di queste aziende, perché, prima o poi, saranno loro a rimetterci quando le aziende si “riconvertiranno”. Ed altre ne sorgeranno, avvalendosi di contributi statali.

Vivere per credere!

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button