Curiosità

Melaverde con Edoardo Raspelli

Il “signore del gusto”, come viene definito negli spot di Mediaset, Edoardo Raspelli, ritenuto il più quotato critico gastronomico italiano, ritorna sugli schermi televisivi con la sua rubrica di cultura enogastronomica “Melaverde”, in onda su Canale 5 ogni domenica poco prima di Mezzogiorno.

Melaverde, da non confondere con un palinsesto dal nome simile in onda in contemporanea sulla RAI, e battuta nell’indice degli ascolti, è nata il 20 settembre 1998 da un’idea dell’agronomo Giacomo Tiraboschi. Da allora è sempre affidata al giornalista Edoardo Raspelli, che nel corso degli anni ha avuto a fianco figure femminili di fascino e brave conduttrici. Dal 2010 nel programma è entrata Ellen Hidding, la simpatica olandese, già modella, che in Italia ha raggiunto notorietà conducendo diverse trasmissioni.
Melaverde, una delle trasmissioni più longeve e di maggior successo di tutta la televisione italiana, dal 2012 è slittata da Rete 4 su Canale 5.
In 19 anni di attività Melaverde, oltre al consenso di oltre 2 milioni di spettatori a puntata ed uno share oscillante tra il 13 e il 17%, ha ricevuto numerosi premi per l’opera svolta nella promozione delle colture locali e dei prodotti artigianali.

La formula del programma Melaverde è un approfondito itinerario tra i sapori e le tradizioni culinarie antiche, svelando curiosità e storia di ricette tipiche dei luoghi visitati. indexRESPELLI MELA VERDEL’interesse per le ricchezze del territorio italiano dello storico conduttore Raspelli, che pare abbia stipulato una polizza per assicurare gusto e olfatto, conduce lo spettatore in un viaggio alla scoperta della cultura gastronomica attraverso le tipicità regionali della penisola e luoghi, spesso poco noti, in cui i prodotti tipici nascono.

La nuova puntata di Melaverde di domenica 12 febbraio 2017 vedrà protagoniste la Lunigiana e Albenga.
Ellen Hidding racconterà la “Signora degli agnelli”, “una storia di donne in un luogo senza tempo”, là, in Lunigiana, alta Toscana, nella valle di Zeri, dove quindici anni orsono un gruppo di ragazze decise di allevare un’antica razza ovina locale, la pecora Zerasca, interessante per la qualità della carne del suo agnello. Le telecamere di Melaverde tornano in quei luoghi dove avevano tenuto a battesimo, tanti anni fa, questo progetto di recupero della pecora Zerasca, per incontrare quelle ragazze ormai diventate donne, che continuano con grande passione la loro attività di allevatrici, tra non poche difficoltà.

RESPELLI MELAVERDE 2Edoardo Raspelli, dalla Piana di Albenga, in provincia di Savona, habitat ideale per la coltivazione delle erbe aromatiche alla quale si dedicano centinaia di piccole aziende agricole, descriverà il mondo inebriante delle aromatiche impiegate in cucina, come il rosmarino, il timo, la salvia, la menta e il basilico, non sottovalutando il dragoncello, l’assenzio, la maggiorana.

Domenica 19 febbraio 2017 Melaverde sarà in montagna, tra Trentino e Valle d’Aosta, a Cogne, ai piedi del Gran Paradiso, dove Raspelli visiterà una fattoria di montagna, luogo in cui da 14 anni Paola e Massimiliano curano una piccola stalla, trasformano il latte in un micro caseificio e nel loro piccolo agriturismo preparano piatti tradizionali seguendo la filosofia della stagionalità.

Da vedere per imparare, senza dimenticare di sintonizzarsi un’oretta prima per  “Le Storie di Melaverde”.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button