Mala tempora currunt erga omnes, ovvero non c’è da rallegrarsi

Mala tempora currunt erga omnes, ovvero non c’è da rallegrarsi

Print Friendly, PDF & Email

I Latini dicevano che di necessità si deve fare virtù. E così gli Italiani confinati in casa si ingegnano in cucina realizzando ricette o rivisitandole.

Pane, primi piatti, sughi, secondi, torte salate, contorni, pizze, dolci, biscotti impazzano nelle cucine e sulle tavole.

Si utilizzano e riciclano tutti i materiali alimentari che si trovano nelle dispense e nei frigoriferi.

Passiamo alla matrigna UE. Non solo sospensione, finalmente, del patto di stabilità e aiuti.

Riconosciuta la STG Europea per l’Amatriciana: una piccola buona notizia per la zona dei Monti della Laga devastati dal terremoto e dimenticata da quasi tutti.

La denominazione Specialità Tradizionale Garantita è uno dei tre riconoscimenti assieme a DOP e IGP volti a tutelare l’autenticità, l’origine e la salubrità degli alimenti.

Sono ben 301 i prodotti italiani che hanno finora giustamente ottenuto il riconoscimento.

E finalmente è arrivato l’annuncio sul Vinitaly: rinviato al 18/21 Aprile 2021. La decisione non poteva essere più giusta.

L’incertezza sul futuro molto prossimo non consentiva assolutamente lo svolgimento dell’evento. In previsione a Verona in autunno un evento innovativo dedicato al mercato e ai buyers nostrani e stranieri.

Purtroppo una gelata ha devastato le coltivazioni. Susine, nettarine, pesche, albicocche, kiwi, meli, peri, ciliege, duroni, kaki, barbabietole e verdure hanno subito un duro colpo nelle province di Cesena, Forlì, Ferrara, Modena, Ravenna fino a Bologna.

Le temperature sono state sotto lo zero per più di dieci ore. Preoccupazioni per le viti di collina in Emilia Romagna che stanno per iniziare a germogliare. Dopo un inverno bollente arrivano gelate e la neve ad infierire sui campi e sulle vigne.

Mala tempora currunt davvero. Bisognerà ripensare ai generi di coltivazione da praticare alla luce dei cambiamenti climatici.

Ancora qualcuno si ostina a negare l’evidenza. Addirittura un terrapiattista si è schiantato alcune settimane fa per comprovare una teoria sballata a dir poco.

A bordo di un razzo auto-costruito si è schiantato contro una montagna. La montagna non si era appiattita. La scienza e la stessa chiesa hanno smentito da decenni questa assurda teoria. Come è assurda la situazione che stiamo tutti vivendo.

Umberto Faedi 

About The Author

Umberto Faedi

Vicedirettore

Related posts