Curiosità

L’Osteria / the Osteria

Si chiama “Sharing Soave: the Osteria Experience in Verona” la guida edita in italiano e inglese dal Consorzio del Soave, in collaborazione con AGSM, dedicata alle osterie veronesi.

COPERTINA“Sharing Soave: the Osteria Experience in Verona”, presentata in anteprima di Vinitaly nella sede di AGSM, la società veronese di fornitura gas ed energia elettrica, è la nuova pubblicazione curata dal Consorzio del Soave, autori Susan Hedblad, Ugo Brusaporco, Patricia Guy.

Il concetto di osteria richiama alla memoria un tradizionale locale, gestito da un oste che spilla per i clienti il vino direttamente da botticelle, in un ambiente rustico, impregnato  di odori acuti, ove gli uomini si ritrovavano al ritorno dal lavoro o per bighellonare nelle serate, come i forestieri di passaggio per trovare compagnia. O più modernamente, sempre concepito come un luogo di ritrovo pubblico, un locale  nel quale viene servito vino accompagnato da cibarie, spuntini freddi a base di salumi e formaggi, o fritture calde tipo le polpette.

L’etimologia richiama la sua funzione di base che è quella dell’ospitalità, giacché il termine deriva dal più antico significato latino “hospes/hospitis”, in funzione dell’antico concetto che l’ospite era “sacro”, da trattare con benevolenza.
È diffusa anche la variante “colta” «hostaria», e persino «Antica Hostaria», modernamente usata in funzione “raffinata”, per battezzare di lustro il locale. Ne ritroviamo dal Nord al Sud della Penisola.

Questa pubblicazione del Consorzio di Tutela del Soave, presentato con la partecipazione di Fabio Venturi, Presidente AGSM, Giampietro Cigolini, Direttore Generale AGSM, Arturo Stocchetti, Presidente del Consorzio del Soave, Aldo Lorenzoni, Direttore del Consorzio del Soave, e Leo Ramponi della trattoria “Al Bersagliere” in rappresentanza delle Osterie di Verona, si propone come un percorso tra mille emozioni, alla scoperta dei sapori di un tempo, accompagnati dal vino Soave.

Trenta locali storici della ristorazione scaligera sono descritti nel libro, tutti legati alla buona tavola della tradizione e vini del territorio e principalmente al vino Soave, il vino bianco per eccellenza della tradizione contadina.
OSTERIA CENTRO VERONAjpgLa più genuina ristorazione di Verona risale e si identifica con l’osteria, in una schiera di locali dove tavoli con tovaglie a quadretti, sedie e panche possono raccontare il succedersi delle generazioni attorno ad un calice di Soave.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button