Vini e Ristorazione

Lo stato del vino sfuso italiano

Il vino sfuso è sempre stato un segmento importante per le cantine.

In Italia la tradizione dell’acquisto del vino sfuso è radicato da molto tempo.

Molte persone hanno in cantina l’attrezzatura per imbottigliare il vino acquistato e trasportato a casa in damigiane o taniche.

La pandemia pur con le difficoltà per gli spostamenti ha rivitalizzato questa consuetudine.

Le vendite in cantina di vino sfuso sono denaro fresco e immediato per le aziende.

Nel 2020 le esportazioni di vino sfuso italiano sono diminuite a causa della pandemia e della brexit mentre sono aumentate le vendite dei bag in box.

I mercati che hanno registrato una contrazione sono: Cina, Russia anche a causa delle inique sanzioni UE, Grecia, Regno Unito, Ungheria, Germania, Francia, Austria, Danimarca, Lituania, Spagna e Svizzera.

Questi sono i mercati principali per la vendita. Sono aumentate le esportazioni in Canada, Usa, Finlandia, Norvegia e Svezia che manifestano maggior interesse per questa tipologia.

Le vendite maggiori di bag in box, 20 milioni di euro in più, hanno quasi compensato i 23 milioni in meno di sfuso.

In Italia sono ancora le regioni del Sud, Puglia e Sicilia in primis, le maggiori fornitrici di vino sfuso.

Negli ultimi tre decenni Veneto, Toscana, Emilia Romagna e Piemonte hanno incrementato la produzione e vendita di questa tipologia.

Le due fiere più importanti al mondo di questa tipologia sono due: per l’Europa la World Bulk Wine Exhibition di Amsterdam. Per il cosiddetto Nuovo Mondo l’International Bulk Wine & Spirits Show che si tiene a San Francisco in California.

Sono purtroppo aumentate le importazioni di sfusi francesi, spagnoli e sloveni. Il confronto con il 2019 è positivo e il fatturato per le cantine registra un + 0,7 % grazie all’aumento del prezzo al litro.

Il saldo della bilancia commerciale del vino sfuso continua comunque ad essere positivo.

L’attenuamento delle misure restrittive consente e favorisce gli spostamenti, riprendono le visite in cantina nel rispetto delle regole sanitarie e ciò costituisce un fattore importante per le aziende.

I visitatori e gli enoturisti hanno di nuovo la possibilità di assaggiare e degustare le varie tipologie di vini e acquistare bottiglie e sfuso.

La riapertura per il momento all’aperto dei ristoranti e delle osterie annesse alle cantine è un altro elemento importante.

È auspicabile che presto venga esteso o addirittura annullato il coprifuoco e venga permesso di mangiare e cenare in tutta sicurezza al coperto.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button