Info & Viaggi

L’inflazione rallenta leggermente, non basta per agricoltura 

L'inflazione rallenta leggermente, non basta per agricoltura 

L’inflazione rallenta leggermente, non basta per agricoltura

L’inflazione rallenta facendo registrare un 6 % in Aprile rispetto al 6,5 % del mese di Marzo. 

Grafico esplicativo https://www.truenumbers.it/inflazione-italia-2022/

Gli effetti dei bonus varati dal governo hanno prodotto un calo inflattivo che però non è sufficiente. 

La componente energetica fa rilevare una crescita su base annua del 64,3 %. 

I costi di produzione per serre, vigneti, stalle, oliveti, agriturismi e frutticoltura sono ancora troppo alti in un momento fondamentale del calendario agricolo. 

I prezzi dei prodotti alimentari accelerano del 6,1 % rispetto ad Aprile 2021 e del 5 % per i prodotti lavorati. 

A ciò non corrisponde affatto un aumento dei prezzi pagati ai produttori, ai contadini e ai viticoltori. 

Gli aumenti costanti di acqua,  elettricità e materiali quali vetro e carta non sono purtroppo compensati dalla riduzione delle accise sui carburanti e sul gasolio agricolo. 

Il gasolio per auto trazione è calato dell’11,5 % e la benzina del 13 %. 

Ciò non è sufficiente per far rifiatare l’intera filiera in una nazione nella quale oltre l’80 % dei trasporti commerciali viene effettuato su gomma.

 Addirittura nel settore dei prodotti alimentari freschi questa percentuale del trasporto supera il 90 %.

Il problema del non giusto riconoscimento di prezzi pagati ai produttori è assai evidente ad esempio nel settore del pomodoro da industria. 

Attualmente in Puglia, che è leader nazionale delle regioni italiane per la produzione di questa solanacea, i trasformatori offrono circa il 10 % in meno rispetto alle richieste degli agricoltori. 

Coltivare un ettaro a pomodoro costa circa 14665 Euro e se per il prodotto ottenuto il prezzo non è remunerativo conviene desistere. 

Per questo molte aziende hanno rinunciato a nuove piantumazioni e il rischio che vada persa la produzione e il patrimonio agricolo è grande. 

Altro problema in una fase cruciale della stagione è la oramai cronica mancanza di personale. 

È cominciata la raccolta delle ciliegie a Vignola e arrivando fino al Sud Italia scarseggiano i lavoratori. 

Nonostante le offerte di contratti regolari la mancanza di manodopera specializzata e di quella generica si fa sentire pesantemente. 

Ci sono prodotti che vanno raccolti a mano e solo in periodi determinati. I lavoratori agricoli sono impiegati per il 53 % al Centro e Sud Italia e la presenza femminile è del 35 %.

 Mancano camerieri e cuochi negli agriturismi, nei ristoranti e negli hotel proprio adesso che gli stranieri sono tornati e le persone hanno voglia di concedersi vacanze dopo il brutto periodo della pandemia. 

La guerra in corso ha bloccato i flussi di lavoratori che affluiscono in Italia soprattutto dai paesi dell’Est Europa. 

Moldavia, Polonia, Russia e Ucraina da anni vedevano trasferirsi decine di migliaia di persone nei nostri campi, nelle serre, negli oliveti, nelle vigne, nei frutteti, nei campi di ortaggi e pomodori. 

È un problema davvero grande e c’è il rischio quest’anno più che gli scorsi anni che i raccolti vadano perduti e le vendemmie vengano effettuate in parte. 

E si affaccia prepotentemente la siccità.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button