Curiosità

Lievita la Doc Sicilia

Il divieto di indicare Nero d’Avola e Grillo sui vini Igt Terre siciliane ha fatto aumentare la produzione dei vini Doc dell’Isola.

 

Come era prevedibile la modifica del disciplinare della Igt Terre siciliane che, per i prodotti provenienti dalla ultima campagna 2017/2018, vieta la specificazione dei vitigni Nero d’Avola e Grillo, sta avendo come conseguenza un aumento cospicuo della produzione a Doc Sicilia, denominazione per la quale è invece consentito il riferimento ai due vitigni in questione.

 

I dati concernenti le rivendicazioni delle superfici e delle uve delle Dop e Igp sono messi a disposizione delle relative strutture di controllo sul sito Agea/Sian; in data 8 febbraio 2018 sono stati pubblicati, a disposizione dell’Irvo quale autorità pubblica di controllo per tutte le Dop e Igp dei vini siciliani, i dati riguardanti le superfici ed uve rivendicate relativi alla campagna 2017/2018. Anche se questi dati subiranno delle revisioni nel corso dell’anno dovute alle modifiche delle dichiarazioni Agea in corso, tuttavia i numeri sono indicativi del processo in essere:

Se confrontiamo (vedi Tab. 1) i dati di rivendicazione relativi al 2017 con quelli del 2016 vediamo come la superficie rivendicata a Doc Sicilia sia raddoppiata e quella rivendicata a Igt Terre siciliane sia drasticamente diminuita. E’ interessante osservare (Vedi Tab. 2), in particolare, la crescita delle rivendicazioni totali relative alle varie tipologie previste per il Nero d’Avola (anche rosato, vendemmia tardiva, passito, riserva e spumante) e per il Grillo (anche vendemmia tardiva, passito, superiore, riserva e spumante).

 

Già la crescita delle iscrizioni (assoggettamenti) all’organismo di controllo e certificazione (OdCC) vini per la Doc Sicilia, iniziata massicciamente dai primi mesi estivi, è indicativa del fenomeno in atto.

 

Le aziende assoggettate per la Doc Sicilia all’OdCC vini, per uno o più soggetti, sono infatti passate da 289 ditte al 1 agosto 2017 alle attuali 388 suddivise in 319 aziende trasformatrici e 344 aziende imbottigliatrici; le ditte che chiedono l’assoggettamento come imbottigliatori continuano comunque ad aumentare. Tra gli imbottigliatori le ditte fuori regione che sinora hanno ottenuto l’apposita autorizzazione ministeriale all’imbottigliamento fuori zona delimitata (intero territorio della regione siciliana) sono circa 70.

 

Se si esaminano (Vedi Tab. 4) le certificazioni rilasciate dal 1 gennaio 2018 alla data odierna (12 febbraio 2018), confrontandole con quelle del medesimo periodo del 2017, notiamo come le certificazioni a Doc Sicilia siano più che raddoppiate con 115 certificati rilasciati per 50.59,3 ettolitri certificati nel 2017 e, di contro, 242 certificati rilasciati e 155.319,1 ettolitri certificati nel 2018 nel medesimo periodo.  Se esaminiamo gli stessi dati per la tipologia Doc Sicilia Grillo e Doc Sicilia Nero d’Avola, vediamo che i certificati emessi a Doc Sicilia Grillo dal 1 gennaio al 12 febbraio sono variati da 20 certificati e 7.323,6 ettolitri certificati nel 2017 a 63 certificati emessi e 33.441,4 ettolitri certificati nel 2018; mentre per la Doc Sicilia Nero d’Avola, si è passati da 21 certificati rilasciati e 14.549,75 ettolitri certificati a 61 numero di certificati emessi e 86.052,9 ettolitri certificati nel 2018 nel periodo in esame. Questi incrementi sono destinati a crescere esponenzialmente nei mesi a seguire, ma già questo primo confronto è indicativo.

Naturalmente si registra un aumento anche di quelle tipologie che vengono utilizzate comunemente nelle Doc Sicilia bivarietali in blend con il Nero d’Avola e con il Grillo, giacché il divieto per l’Igt Terre siciliane di fare riferimento ai due vitigni autoctoni non si riferisce, soltanto ai vini in purezza dei due vitigni in questione, ma è generale.

Grande incremento di lavoro ed impegno da profondere dunque per l’organismo di controllo e certificazione vini dell’Irvo, che ha richiesto all’assessorato la costituzione di un ulteriore Commissione di degustazione deputata all’esame organolettico dei vini a Doc Sicilia in aggiunta alle due attualmente operanti.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button