Le Cucine Popolari fanno il tris

Le Cucine Popolari fanno il tris

image_pdfimage_print

Inaugurata la terza sede delle Cucine Popolari, l’iniziativa pensata da Roberto Morgantini, sua moglie e da un gruppo di amici e volontari rivolta a coloro che ogni giorno devono affrontare i problemi derivati da uno scarso o nessun reddito, l’emarginazione e la solitudine.

 

In occasione del loro matrimonio hanno chiesto come regalo di nozze agli amici l’attrezzatura per allestire una grande cucina.

 

Il locale in Via del Battiferro a Bologna nel Quartiere Bolognina è stato il primo ad avviare questa iniziativa ed ha ospitato a tutt’oggi migliaia di persone ed eventi legati a temi del sociale oltre ad altre iniziative come il reperimento di fondi per acquistare uno scuolabus per bambini e ragazzi Palestinesi ai quali per spregio gli occupanti israeliani hanno distrutto la scuola e ogni giorno devono fare decine di chilometri per poter studiare presso un’altra scuola non ancora demolita, la pulitura e la tinteggiatura dei muri dei quartieri malridotti non da artisti ma da vandali imbrattatori e l’abbellimento con suggestivi murales del Ponte di Via Mascarella.

 

La seconda sede in Via Sacco nel Quartiere San Donato è stata aperta poche settimane fa e adesso e’ attiva la terza al centro Francesco Lorusso in Via dello Scalo nel Quartiere Saffi intitolato al neolaureato in medicina ucciso l’11 Marzo del 1977 in Via Mascarella.

 

La terza cucina popolare funziona come le altre grazie alle decine di volontari che preparano i pasti e servono ai tavoli, e alla fine puliscono, e alle aziende che donano i prodotti e gli alimenti.

 

Non c’era più posto a sedere nei tavoli preparati per il taglio del nastro e le persone sono rimaste fino a tardi a mangiare e conversare. Un’altra iniziativa che si ripeterà in occasione delle festività di fine anno è quella del Pignoletto della Solidarietà che alcuni produttori della DOC Colli Bolognesi hanno vinificato e imbottigliato e che sara’ venduto sempre con lo scopo di raccogliere fondi per sostenere le tante attività delle Cucine Popolari.

 

L’ obiettivo da raggiungerei nei prossimi mesi che Roberto e tutti coloro che lo affiancano con entusiasmo e sacrifici è quello di aprire una cucina popolare in ogni quartiere della Città di Bologna, dotta e grassa ma non per tutti purtroppo.
Umberto Faedi

 

About The Author

Umberto Faedi

Vicedirettore

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi