Curiosità

L’Antico Egitto, una mitologia che “rivive” nel gioco

Sicuramente il mondo antico è uno di quegli universi che si è rivelato essere tra i più prolifici per quanto riguarda l’ispirazione stessa e la “conversione” in tantissimi altri media come film, videogiochi, cartoni animati, libri, giochi da tavolo, serie animate, meme su Internet, gadget di ogni tipo e così via.

Il mondo della Grecia classica, quello più freddo e guerriero dei Vichinghi, i misteri di quello Indiano, il fascino della mitologia del vasto Oriente sono, infatti, da sempre avvicinati a quello che forse più di ogni altro ha sbizzarrito la fantasia dei suoi autori.

Quello egizio infatti, ancora oggi, rivive più potente che mai. Uno degli ultimi esempi è di sicuro il videogioco Assassin’s Creed: Origins (2017). Ennesimo capitolo di una delle serie più popolari di adesso dove, questa volta, una versione modificata dell’Animus porterà il giocatore nel contesto dell’antico Egitto fra divinità, intrighi e culti di ogni tipo.

Sempre a proposito di giochi, inoltre, non vanno neanche dimenticati quelli d’azzardo come le slot machine ed ogni altra fonte di divertimento e azzardo sviluppata da Novomatic in maniera professionale e sicura.

Dal punto di vista visivo, invece, si possono ricordare tutti i vari tasselli della serie di film de La Mummia, inclusi quelli più vecchi in bianco e nero che la incoronano tra i classici dell’orrore, oppure la serie animata Mummies Alive! – Quattro mummie in metropolitana andata in onda verso la fine degli anni Novanta.

Effigi e rappresentazioni degli antichi dei egizi, insomma, sono ancora presenti nell’immaginario collettivo grazie soprattutto al fatto che tali divinità venivano rappresentate con delle forme a metà tra quella umana e quella di un animale. Ovviamente il tutto era perfettamente “consono” rispetto ai tempi di allora poiché tali animali erano quelli più comuni con i quali ci si rapportava, in maniera più o meno pacifica.

Potremmo ad esempio immaginare il possente falco la cui testa splende sulle teste di Horus e Ra, da non confondere tra loro come dimostra la nota slot online Book of Ra, il ben più esile ibis su quella di Ash, dio benefico protettore delle oasi e dei vigneti, l’onnipresente gatto su quella di Bastet, passata da dea della guerra a quella della fertilità e della nascita, la curiosa rana su quella di Heket, dea della rigenerazione, e così via.

Purtroppo anche il male ed il caos erano presenti a quei tempi e quindi, per forza di cose, andavano rappresentati in qualche maniera. Visto che occorreva collegarvi degli animali piuttosto “negativi” possiamo citare lo sciacallo Anubi, dio dei morti e della mummificazione, il serpente Apopi, la rappresentazione del caos, e tantissimi altri ancora.

Un ruolo particolare veniva poi ricoperto da Sobek e da Seth nonostante il loro aspetto. Il primo aveva una testa di coccodrillo e poteva rivelarsi sia molto protettivo che estremamente violento mentre, il secondo, una di sciacallo e pare che si sia riconciliato con la sua famiglia dato che uccise il fratello Osiride.

Quest’ultimo aveva poi una forma umana al pari dell’amata Iside, del potente Amon – Ra, del bel Amon, del curioso Geb ed anche dell’equilibrata Maat giusto per fare un paio di esempi.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button