Curiosità
Di tendenza

La vendemmia in Europa

La situazione della raccolta delle uve in Europa vede un calo generale di rese che si differenzia a seconda delle nazioni.

L’Italia mantiene il primo posto come paese produttore in Europa nonostante un calo medio del 10 % rispetto al 2020.

Non va meglio ai suoi due principali competitori ovverosia Francia e Spagna.

Ambedue hanno dovuto fare i conti con gli stessi problemi climatici dalle gelate del periodo pasquale fino alla siccità estiva.

Non sono mancate grandinate e acquazzoni estivi e in Francia e in Germania disastrose inondazioni.

La Spagna rimarrà al secondo posto conquistato l’anno scorso. La decrescita produttiva è rilevante, almeno il 16 % in meno. Il prezzo delle uve Cava è stabile e in rialzo le quotazioni di uva organica ossia agrobiologica.

Rimangono alti gli stoccaggi di vino ma va ricordato che verranno utilizzati alcuni milioni di ettolitri per la produzione di distillati ed aceti.

Calo percentuale in media con le altre nazioni con un peso minore per il Portogallo vista la diminuita produzione di vini.

Rispetto al 2019 si stima addirittura una crescita seppure dell’1 %.

La Corsica non è stata colpita dalle gelate e avrà una vendemmia in linea col 2020.

Nella Republic Francaise è stata colpita particolarmente la regione della Champagne.

Le gemme hanno subito una distruzione del 30 % ma la produzione non subirà cali ragguardevoli grazie alle riserve delle cantine.

Nel territorio di Bordeaux sono stati i vitigni a bacca bianca i più colpiti dal gelo e dalla umidità che ha portato attacchi di oidio e black rot ossia marciume nero della vite.

La Francia avrà necessità di importare più vini del solito visto che i consumi interni vanno molto bene.

Discreta la ripresa delle esportazioni per i vini francesi.

La Germania ha subito devastanti inondazioni ma la produzione vinicola sarà in media con gli ultimi cinque anni grazie al lavoro dei viticoltori che si sono prodigati per ripristinare le vigne.

La perdita sarà limitata al 5/6 %. Aumenta lievemente la resa vendemmiale nella Federazione Russa e in Ucraina.

Nel resto del mondo in calo la produzione in Argentina che marca un – 6,5 % e la Nuova Zelanda con 9 % in meno di rese.

La produzione vitivinicola cresce del 15 % in Cile, 18 % in Australia e 1 % in Sudafrica.

Negli Usa le regioni più produttive sono state colpite da incendi devastanti,  tifoni e uragani. Nonostante ciò si registrerà un + 2 % di resa alla fine della raccolta delle uve.

Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button