Curiosità

La vendemmia 2019 nel mondo: esiti della raccolta e curiosità

Il 2018 è stato un anno record per la produzione mondiale di vino che nel 2019 torna nella media degli anni precedenti.

Le stime della OIV – Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino attestano una produzione di 263 milioni di ettolitri escludendo i mosti e i succhi.

L’emisfero nord del pianeta vede ancora raccolte in corso per varietà tardive o particolari e in Italia nel Vulture per Aglianico e Malvasia Bianca e in Valtellina per il Nebbiolo.

I risultati per l’emisfero sud sono già definitive dato che le vendemmie risalgono ad alcuni mesi orsono.

Il clima che sta mutando  ha condizionato le raccolte in Italia, Francia e Spagna che sono nell’ordine i primi tre paesi produttori mondiali.

Quantitativi inferiori almeno del 15 % tranne che per il Portogallo, unico paese produttore in Europa a segnare un incremento rispetto al 2018.

In Nord America si rileva un calo dovuto agli incendi tuttora in corso in California e specialmente nella Valle di Sonoma anche se la vendemmia è già praticamente terminata.

In Sud America sensibili cali di produzione in Argentina e in Cile e pure Australia e Nuova Zelanda sono sotto i livelli di resa del 2018.

I dati raccolti nelle 28 nazioni che producono l’85 % del vino mondiale attestano una stima di 262,8 milioni di ettolitri e i livelli produttivi sono in linea con quelli attestati tra il 2007 e il 2016 con l’eccezione del 2013.

L’italia mantiene il primato europeo e conseguentemente quello mondiale con 46,6 milioni di ettolitri e la produzione complessiva europea è di 156 milioni che rappresentano il 60 % della produzione mondiale nonostante il gelo primaverile, la siccità estiva, i Tornados e le grandinate improvvise.

15 % in meno per Italia e Francia e addirittura un 24 % in meno per la Spagna. La diminuzione del raccolto accomuna gli altri paesi europei: Austria 4 %, Germania 12 %, Romania 4 % e Ungheria 6 % in meno. Solo il Portogallo con un + 4 % incrementa la produzione dei suoi vini.

La Russia segna un 7 % in più per le sue tipologie Krasnostop, Saperavi, Tsymlyanskiv Chirny, Plechistick e Kefessiva Sbirkovy a bacca rossa e Kokur e Rkatsikeli a bacca bianca e per le basi spumante, la Georgia con i suoi vini in anfore segna + 1 % derivati da Saperavi Rossa, Mitsvane e Rkatsitell Bianca, la Svizzera con oltre 200 varietà coltivate e 40 autoctoni fra i quali i bianchi Humagne Blanche, Petite Arvine, Amigne Humagne Rouge e Cornalin per quelli a bacca rossa.

Marca invece un – 6%. Il 20 % della produzione mondiale proviene da oltre Atlantico e gli Usa concorrono con un 12 % con 23,6 milioni di hl e 1 % in meno rispetto al 2018. L’emisfero sud con la sua macro area concorre al 20 % della produzione mondiale.

In Sud America perdono quote Argentina e Cile, solo il Brasile contiene la perdita a un 1% in meno. In Sud Africa dove si trovano le botti più grandi del mondo il calo è del 10 % mentre in Oceania si evidenzia un 3 % in meno per l’Australia che riesce comunque a rimanere nelle medie degli ultimi anni mentre la Nuova Zelanda con i suoi 3 milioni di ettolitri conferma la produzione del 2018.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button