Notizie Italiane

La situazione dell’agroalimentare italiano

Arrivano buone quasi ottime notizie dal mondo agricolo e alimentare del nostro paese. L’arcinoto ed eccellente Parmigiano Reggiano chiude il primo trimestre del 2021 con risultati sbalorditivi.

Le vendite in volume hanno fatto registrare un + 12 % rispetto al periodo pre pandemia. 8627 tonnellate rispetto alle 7704 del 2019. Gli altri formaggi a pasta dura segnano un buon 5 % in più.

E tutto ciò nonostante brexit, dazi Usa e copioni fraudolenti che ricavano miliardi di euro dai loro sporchi traffici sottraendo clienti al consorzio.

Anche dal punto di vista del prezzo i produttori hanno visto aumentare la quotazione del re dei formaggi.

Il consorzio può ora concentrarsi sul settore HORECA per risollevare la quota di mercato. Il settore dei prodotti biologici è cresciuto dell’8 % nel periodo della pandemia e l’Italia è al secondo posto tra gli esportatori dopo Usa e prima di Cina, Francia e della Spagna.

Olè! A livello internazionale i consumi di prodotti biologici sono cresciuti in 10 anni di ben il 115 % in Germania. I maggiori mercati per i nostri prodotti sono quelli dell’Europa del Nord e gli Usa. I prodotti nostrani bio più apprezzati sono la pasta con un + 15,5 % , il vino + 2,4 % con il 93 % dei consumatori americani e il 43 % dei consumatori cinesi che ritengono importante l’origine italiana del vino.

Molto apprezzate frutta e verdura fresca e l’olio extravergine che per i crucchi e i franzosi è il cima alla classifica dei prodotti Made in Italy. Per quanto concerne i nostri vini si stanno riducendo sensibilmente le giacenze e aumentano i prezzi.

Gli spumanti fanno registrare una ottima crescita di vendite  in tutti i mercati. Procede molto bene l’export verso la Cina soprattutto dopo lo spazio aperto a causa dei super dazi comminati all’Australia.

Ne hanno approfittato i cugini franzosi aumentando le vendite dei 47,7 % e l’Italia con il 19 %. In buon aumento i prezzi delle uve per i produttori a causa delle gelate recenti ed improvvise.

Buone notizie per il Vigneto Italia che ritornerà ad avere 700.000 ettari coltivabili come nel 2008. In quell’anno la UE ebbe la sciagurata idea di varare il piano della OCM contenente il premio per gli espianti delle viti.

Ma a Bruxelles in quelle stanze tristi e grige non hanno altro da fare che riunirsi per partorire sonore cazzate?

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button