Un occhio sul mondo

La Russia si è organizzata per importare vini

La Russia si è organizzata per importare vini

La Russia si è organizzata per importare vini

 

Le sanzioni continuamente aggiornate nei confronti della Federazione Russa per il momento non scalfiscono l’economia della nazione governata da Vladimir Putin. 

Il rublo si è addirittura rafforzato e se davvero, ma proprio non ci credo, gli stati europei smettessero di comprare l’ottimo ed economico gas russo Putin ha già trovato da tempo chi lo compra: Cina e India. 

Non è facile sostituire i pregiati vini europei che da decenni arrivavano soprattutto da Italia e Francia. 

Anche Spagna e in misura minore la Germania inviavano bottiglie a locali, enoteche, gastronomie, distributori e clienti affezionati. 

Le principali aziende russe che producono e importano vini e distillati hanno avviato trattative con alcune nazioni amiche. 

In primis Cina e India ma anche Brasile e Turchia, Cile e Sudafrica oltre a quegli stati che non hanno aderito alle più che discutibili sanzioni. 

Le principali aziende russe che producono e importano vini e bevande tra le quali Fort, Ladoga, Luding e Simple sono già in trattativa per acquisire a breve carichi di bottiglie. 

Le quasi inutili sanzioni hanno portato le aziende a studiare e individuare nuove rotte di trasporti marittimi e non solo volte ad aggirare la partenza dai porti della Unione Europea. 

Entrano in gioco i porti russi dell’Estremo Oriente e del Nord nonché la linea ferroviaria Transiberiana. 

 

Via terra è possibile utilizzare le autostrade e le strade della Cina continentale e del Kazakistan. 

 

Tutti i fornitori stranieri sono pronti a continuare le spedizioni e a fare affari e stringere nuovi accordi con le ditte di importazione russe. 

Una ottima opportunità commerciale si sta concretizzando per i distributori e i fornitori che hanno sede ad Hong Kong e soprattutto per le aziende che distribuiscono i vini del cosiddetto Nuovo Mondo. 

Australia e Nuova Zelanda sono escluse dato che hanno obbedito ai dettami delle sanzioni. 

I vini provenienti da Argentina, Cile e Sudafrica saranno ben accolti visto che sono conosciuti in Russia da oltre vent’anni. 

In termini di valore la quota rappresentata dai vini italiani, francesi e spagnoli ammontava da anni ad oltre il 60 % delle importazioni totali di vini nella Federazione Russa. 

Una percentuale davvero assai importante che purtroppo sarà presto rimpiazzata da nazioni concorrenti ed emergenti. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio